Graduatorie ad esaurimento: andare o rimanere?

di Lalla
ipsef

Sebastiano Luca Consoli – Ed eccoci alle solite …. son passati due anni e mi ritrovo per l’ennesima volta a compilare il modello 1 della domanda d’aggiornamento come insegnante di scuola primaria. La prima volta l’ho compilato nel 1995 e se facciamo un rapido calcolo son passati ben 16 anni da quel fatidico giorno … di acqua sotto i ponti ne è passata … mi sono trasferito al nord, ho iniziato a lavorare prima con i circoli, poi col Provveditorato ( con 28 punti e senza abilitazione), mi sono abilitato per ben 2 volte, ho fatto i famosi corsi per i 3 punti e …. siamo nel 2011 e nonostante occupi un’ottima posizione in graduatoria provinciale sono ancora qui a compilare questo benedetto (o maledetto) modello per l’aggiornamento del proprio punteggio. Ma a cosa serve aggiornare quando già le nostre sorti le conosciamo?

Sebastiano Luca Consoli – Ed eccoci alle solite …. son passati due anni e mi ritrovo per l’ennesima volta a compilare il modello 1 della domanda d’aggiornamento come insegnante di scuola primaria. La prima volta l’ho compilato nel 1995 e se facciamo un rapido calcolo son passati ben 16 anni da quel fatidico giorno … di acqua sotto i ponti ne è passata … mi sono trasferito al nord, ho iniziato a lavorare prima con i circoli, poi col Provveditorato ( con 28 punti e senza abilitazione), mi sono abilitato per ben 2 volte, ho fatto i famosi corsi per i 3 punti e …. siamo nel 2011 e nonostante occupi un’ottima posizione in graduatoria provinciale sono ancora qui a compilare questo benedetto (o maledetto) modello per l’aggiornamento del proprio punteggio. Ma a cosa serve aggiornare quando già le nostre sorti le conosciamo?

Ho una bellissima famiglia che mi supporta, ho 2 bellissimi figli che mi riempiono le giornate ma … non ho ancora il mio posto stabile e chissà se l’avrò mai. In questi giorni è iniziato il totoscommesse con la famosa domanda: Ma quanta gente s’inserirà in graduatoria a Catania? Quante persone andranno via? Nei corridoi della scuola, per chi ha avuto la fortuna come me di poter ancora lavorare in questo mondo, si rincorrono delle voci del tipo: “Hai saputo che da Enna, tutti quelli che hanno il titolo sul sostegno, si trasferiranno a Catania?” “Dai sindacati arriva voce che anche da Messina verranno qui da noi” … per la serie chi più ne ha più ne metta … e noi … andiamo nel pallone …. Grazie all’inserimento dei ricorsisti, son passato dal posto 23 al posto 25, ma il prossimo anno dove andrò a finire? …. In famiglia s’inizia a parlare, si valuta l’idea di riprendere le valigie e … ripartire … ma perché bisogna tornare nuovamente alla vecchia vita? Nel 2007 ci hanno dato l’out out, o nord o sud, inserimento in graduatoria ad esaurimento oppure si andava in coda, invece oggi …. si ritorna nuovamente al vecchio out out, soltanto che adesso la situazione è ben diversa, fin quando si è scapoli, forse tutto ciò può essere accettato, ma quando si hanno 2 bambini (di 2 anni e mezzo e l’altro di 8 mesi)
tutto ciò è praticamente impossibile.

Lo so che non sono il primo e neppure l’ultimo a fare un ragionamento simile, soltanto che adesso mi trovo davanti ad un bivio e …. non è facile la scelta, anche se la mia l’ho fatta 4 anni fa, quando ho deciso di formare la mia famiglia, ma dico a coloro che ci hanno portato a tutto ciò di guardare i loro figli negli occhi, ammirare la loro innocenza, il loro desiderio di conoscere, la loro voglia di libertà e sincerità, e poi chiedersi se è onesto ciò che hanno fatto e che continuano a fare non rispettando coloro che seriamente lavorano per portare un tozzo di pane a casa.

Versione stampabile
anief
soloformazione