Graduatorie 24 mesi ATA: la valutazione del servizio di cuoco come requisito d’accesso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il servizio valutabile per l’inserimento nelle graduatorie permanenti (24 mesi ATA) deve essere stato svolto nella scuola statale. I chiarimenti. 

Scrive un nostro lettore

Siccome ho prestato servizio per 4 mesi  presso ospedale civile come cuoco , e 1 mese presso la mensa della scuola elementare statale sempre come cuoco.possono essere valutabile come servizio per il raggiungimento dei 24 mesi grazie.

di Giovanni Calandrino – Per essere inseriti nelle graduatorie permanenti del personale ATA nel profilo professionale di CUOCO, i candidati devono possedere una anzianità di almeno due anni di servizio (24 mesi, ovvero 23 mesi e 16 giorni, anche non continuativi) prestato in posti corrispondenti al profilo professionale di CUOCO nella scuola STATALE.

Si computa unicamente il servizio effettivo prestato (di ruolo e non di ruolo) presso scuole statali, con esclusione del servizio prestato nelle istituzioni scolastiche della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano, con rapporto d’impiego con lo Stato e/o il servizio scolastico (di ruolo e non di ruolo) prestato con rapporto di impiego, direttamente con gli Enti Locali, i quali erano tenuti per legge a fornire alle scuole statali personale A.T.A.

Pertanto i 4 mesi di servizio presso ente ospedaliero non possono essere valutati come requisito d’accesso, invece, il mese di servizio prestato come cuoco nella scuola statale elementare per valutarlo come requisito d’accesso.

In ogni caso occorre appurare che il contratto sia stato stipulato alle dirette dipendenze della scuola statale e nel profilo professionale di cuoco.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione