Graduatoria interna di istituto: ecco quando si assegnano 5 punti per i corsi di perfezionamento biennali

di Paolo Pizzo

item-thumbnail

Nella graduatoria interna di istituto per ogni diploma di specializzazione o perfezionamento post-laurea biennale sono assegnati 5 Punti. Vediamo come.

Claudia scrive

Buongiorno, sono una docente di ruolo a t.i. presso la scuola media di primo grado e chiedo di avere chiarimenti circa l’attribuzione del punteggio di un titolo da me conseguito nel 2017. Il titolo  in questione è un  ” Diploma biennale di Perfezionamento” (con superamento dell’esame finale) a. a. 2015/2016 – 2016/2017 , della ……, attivato ai sensi dei commi 8 e 9 dell” art.3 e comma 4 dell’art. 7 del D.M. 3/11/1999, n. 509  per il quale la …… sostiene che vale 5 PUNTI ai fini della graduatoria interna di  istituto, mentre secondo la mia segreteria vale 1 PUNTO. Vorrei chiarimenti in proposito e la relativa normativa per  sapere se il corso di perfezionamento biennale è equiparato ai corsi di specializzazioni per i quali si prevedono 5 punti (tesi sostenuta da ….) o vale 1 punto poichè c’è la dicitura “corso di perfezionamento” ( tesi sostenuta dalla segreteria). In attesa di un Suo gentile riscontro circa la mia richiesta, ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.

Quali corsi sono valutati

Ai sensi della nota 11 e 11 bis della tabella di valutazione titoli allegata al CCNI 19/22 sulla mobilità sono valutati:

  • I corsi previsti dagli statuti delle università (art. 6 legge n. 341/90), ovvero attivati con provvedimento rettorale presso le scuole di specializzazione di cui al D.P.R. 162/82 (art. 4 – 1°comma, legge n. 341/90);
  • I corsi previsti dalla legge n. 341/90, art. 8 e realizzati dalle università attraverso i propri consorzi anche di diritto privato nonché i corsi attivati dalle università avvalendosi della collaborazione di soggetti pubblici e privati con facoltà di prevedere la costituzione di apposite convenzioni (art. 8 legge n. 341/90);
  • I corsi previsti dal decreto 3.11.1999, n. 509;
  • I diplomi di perfezionamento post-laurea, previsti dal precedente ordinamento universitario, qualora siano conseguiti a conclusione di corsi che presentino le stesse caratteristiche dei corsi di specializzazione (durata minima biennale, esami specifici per ogni materia nel corso dei singoli anni e un esame finale).

Conclusione

Non vi è dubbio che al corso sostenuto dalla collega vadano assegnati i 5 punti e quindi ritenuto valido.

La questione della “dicitura” non rileva assolutamente ai fini della valutazione del corso, a esempio la legge 341/90 all’art. 6 parla di “corsi di perfezionamento e aggiornamento professionale”….

In ogni caso ciò che vale è la natura del corso, e quello indicato rientra a pieno nella valutazione delle note citate perché post-laurea, previsti dal precedente ordinamento universitario, qualora siano conseguiti a conclusione di corsi che presentino le stesse caratteristiche dei corsi di specializzazione (durata minima biennale, esami specifici per ogni materia nel corso dei singoli anni e un esame finale).

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
ads ads