Graduatoria interna di istituto, docente trasferito d’ufficio o a domanda condizionata dal 1° settembre 2021 va inserito a pettine

WhatsApp
Telegram

Il docente trasferito d’ufficio o a domanda condizionata nell’a.s. 2021/22 va inserito nella graduatorie interne di istituto a pettine, come gli altri docenti in organico dall’a.s. 2020/21 e precedenti.

Graduatoria interna di istituto

Le graduatorie interne di istituto, in ciascuna istituzione scolastica, sono redatte per ognuna delle tipologie di posto e/o cattedre esistenti nella medesima scuola. Nelle graduatorie sono inseriti i docenti di ruolo titolari nell’istituzione scolastica interessata, compresi coloro i quali si trovino in assegnazione provvisoria o utilizzazione in altra scuola. Al contrario, non vanno inseriti i docenti in servizio nella scuola, in virtù di provvedimenti di assegnazione provvisoria o utilizzazione, che vanno invece graduati nelle rispettive scuole di titolarità.

Il dirigente scolastico procede alla redazione e pubblicazione delle suddette graduatorie, entro i 15 giorni successivi alla data di scadenza di presentazione delle domande di mobilità. Considerato che la data ultima di presentazione delle istanze di mobilità era il 15 marzo 2022, le graduatorie interne di istituto vanno redatte e pubblicate dopo il 15 ed entro il 30 marzo 2022.

I docenti interessati vengono graduati sulla base dei punteggi previsti dalla Tabella A, allegata all’Ipotesi di CCNI 2022/25, con le precisazioni previste per i trasferimenti d’ufficio, comprendente le seguenti voci:

  • anzianità di servizio;
  • esigenze di famiglia (intese in tal caso come esigenze di non allontanamento);
  • titoli generali.

Come graduare i trasferiti d’ufficio nell’a.s. 2021/22

Chi va in coda

Nella formulazione della graduatoria interna di istituto i docenti entrati a far parte dell’organico dell’autonomia della scuola dal 1° settembre 2021, in seguito a trasferimento volontario/passaggio di ruolo/cattedra ovvero immissione in ruolo, sono collocati in coda alla graduatoria, a prescindere dal punteggio, dopo i docenti entrati in organico dal 1° settembre 2020 e precedenti. 

Nel caso di più docenti, appartenenti al medesimo posto/classe di concorso ed entrati in organico dal 1° settembre 2021, gli stessi sono graduati in coda, ciascuno secondo il proprio punteggio.

Così, qualora si verifichi una contrazione d’organico, i primi ad essere individuati come perdenti posto sono i docenti ultimi arrivati.

Trasferiti d’ufficio

Quanto detto sopra, non riguarda i docenti trasferiti d’ufficio nell’a.s. 2021/22 i quali, essendo stati trasferiti in seguito ad un movimento non volontario, vanno inseriti in graduatoria a pettine, ossia come se fossero in organico dagli anni scolastici precedenti.

Precisiamo che il trasferimento a domanda condizionata è considerato un trasferimento d’ufficio a tutti gli effetti. Pertanto, anche il docente che è entrato a far parte dell’organico dell’autonomia della scuola, in seguito ad un trasferimento ottenuto con domanda condizionata, va inserito a pettine nella graduatoria, come si legge negli negli articoli 19 (scuola primaria e infanzia) e 21 (scuola secondaria) dell’Ipotesi di CCNI 2022/25 (ricordiamo che la domanda condizionata è presentata dal docente perdente posto che condiziona la domanda, ossia chiede di partecipare al movimento, solo se nella scuola di titolarità non si liberi un posto nel corso dei movimenti; se si determina una disponibilità di posto, il docente perdente posto è riassorbito e non partecipa ai movimenti; viceversa, se non si libera un posto, partecipa ai movimenti).

Analogamente a quanto detto sopra per i docenti trasferiti d’ufficio nell’a.s. 2021/22, anche i docenti trasferiti a domanda condizionata, che rientrano nell’ottennio nella scuola di precedente titolarità, sono da considerare come titolari nella scuola dagli anni scolastici precedenti, per cu vanno inseriti a pettine (è il caso del docente che, dopo aver perso il posto, nell’ottennio rientra nella scuola da cui era stato trasferito d’ufficio o a domanda condizionato, in quanto perdente posto).

Docenti esclusi

Sono esclusi dalla graduatoria interna di istituto i docenti beneficiari delle precedenze di cui all’articolo 13, comma 1, punti I, III, IV e VIII, a meno che la contrazione di organico non sia tale da determinare il loro coinvolgimento.

Per approfondire leggi: Graduatoria interna di istituto, chi va inserito a pettine e chi in coda. Trasferiti d’ufficio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur