Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

GPS, supplenze al 31 agosto o al 30 giugno: nuova domanda da presentare a fine luglio [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Terminata la finestra per l’aggiornamento o il primo inserimento per le graduatorie per le supplenze. Ci sarà un’altra finestra in piena estate.

Le GPS avranno validità per gli anni scolastici 2022/23 e 2023/24. I docenti che si inseriscono nelle GPS devono scegliere un’unica provincia. Può essere anche differente rispetto a quella del 2020.

Supplenze al 31 agosto o al 30 giugno, domande in piena estate

Per l’attribuzione delle supplenze al 31 agosto o al 30 giugno, il Ministero procederà come lo scorso anno scolastico, con la scelta online delle scuole. Questa ulteriore domanda sarà in estate, dopo le immissioni in ruolo, probabilmente tra la fine di luglio e metà agosto.

La data al momento è puramente indicativa, in quanto il Ministero non ha ancora reso nota la tempistica. Consigliamo quindi ai nostri lettori di consultare periodicamente i siti di USR e Uffici Scolastici per non perdere nessun aggiornamento.

Il Ministero ha reso strutturale quanto già sperimentato durante l’estate 2021, quando ai docenti inseriti in GaE e  GPS prima e seconda fascia era stato chiesto – dal 10 al 21 agosto – di indicare le preferenze per l’attribuzione delle supplenze al 31 agosto e 30 giugno 2022.

Una procedura che, seppure ha permesso di attribuire già nei primi giorni di settembre numerose supplenze, non ha mancato di mostrare dei limiti.

I sindacati, come confermato da Chiara Cozzetto durante il Question Time, si aspettano delle modifiche anche per quanto riguarda le 150 preferenze.

Che differenza c’è tra un contratto al 31 agosto o uno al 30 giugno?

I contratti di supplenza annuale (fino al 31 agosto) sono utilizzati per la copertura delle cattedre e dei posti vacanti, cioè privi di titolare, costituiti in organico di diritto e residuati dai trasferimenti.

I contratti fino al 30 giugno sono invece destinati per la copertura delle cattedre e dei posti non vacanti, cioè coperti da titolari in servizio altrove (in comando, assegnazione provvisoria, utilizzazione, ecc) o in aspettativa per mandato parlamentare, amministrativo, esonero sindacale, per coniuge all’estero, dottorato ricerca, e altro ancora, nonché per la copertura delle cattedre e posti costituitisi in organico di fatto per aumento del numero delle classi e degli alunni.

Come specificato dalla nostra redazione più volte, la differenza tra una supplenza al 30 giugno e una al 31 agosto sostanzialmente è di carattere economico, differenza che, solitamente, i precari ammortizzano con la richiesta dell’ indennità di disoccupazione durante i mesi estivi, se spettante. Altro aspetto, poi, è quella delle ferie: le ferie dei supplenti con contratto fino al 30 giugno, infatti, sono monetizzabili nella misura data dai giorni maturati detratti quelli di sospensione delle lezioni comprese nel contratto.

La consulenza di Orizzonte Scuola

È possibile proporre delle tematiche all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale)

È possibile confrontarsi sul forum di reciproco aiuto

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur