GPS, opposizione all’attacco. Pittoni: “Azzolina rovina la vita ai precari”. Gelmini: “Un disastro”

Stampa

Il caos sulle graduatorie provinciali per le supplenze mette in difficoltà politica la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. 

L’opposizione va all’attacco. La Lega, con il responsabile Scuola, Mario Pittoni, afferma: “Auspico che il ministro dell’Istruzione sia chiamato a rispondere delle forzature e degli errori presenti nelle GPS (Graduatorie provinciali per le supplenze) che, oltre a rallentare l’assegnazione dei supplenti, stanno rovinando la vita a centinaia di migliaia di docenti precari. Alla vigilia della ripresa delle lezioni il principale impegno di Azzolina pare quello di minimizzare la gravità della situazione”.

Anche Forza Italia è critica: “La procedura per ‘chiamata veloce’  prevista per i docenti dal decreto scuola e tanto sostenuta dal  ministro Azzolina è stata un fallimento. Si aspettavano circa 6mila  candidature, che si sarebbero trasformate in altrettanti contratti stabili, ne sono state inoltrare appena 2.500 (almeno il triplo sono rimaste nel sistema e non inviate). Il governo ha nascosto i problemi, non ha preso decisioni e adesso studenti, famiglie e docenti pagheranno il prezzo di questa incredibile approssimazione”. Così la capogruppo alla Camera, Maristella Gelmini.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile