Graduatorie precari, Granato (M5S): “‘furbetti’ con titoli fasulli subito individuati grazie a digitalizzazione. Denunciati ad autorità”. Ma controllo non è semplice

Graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze: sono in corso le valutazioni delle domande presentate entro il 6 agosto. Una corsa contro il tempo, il termine ultimo è stato fissato dal Ministero per il 28 agosto. 

Scrive la Sen. Granato
Grazie alla digitalizzazione delle procedure per l’inserimento e l’aggiornamento delle Graduatorie Provinciali Statali, i “furbetti” che dichiaravano titoli fasulli per scalare le graduatorie stavolta sono stati immediatamente individuati e oltre ad essere depennati verranno denunciati all’autorità giudiziaria.
Non si tratta di meri errori in buona fede, ma di dichiarazioni mendaci belle e buone. Per ora è successo a Lecce. Magari ci accaparreremo altro odio, ma spero la stima dei giusti e degli onesti.

Cosa è successo a Lecce

L’ufficio Scolastico ha escluso dalla costituzione delle nuove graduatorie 503 aspiranti che hanno dichiarato “precedente inserimento”, i cui nominativi non risultano invece inseriti nel precedente triennio. L’Ufficio ha scritto inoltre “Il provvedimento di esclusione e l’ elenco dei candidati esclusi, unitamente alla documentazione che sarà fornita dalle scuole polo, sarà trasmesso all’Autorità Giudiziaria per le eventuali valutazioni di competenza in ordine alle dichiarazioni mendaci rese dai candidati in occasione della partecipazione aduna pubblica selezione.”
Una situazione che merita attenzione, anche perché non era difficile cadere in un misunderstanding dal momento che il requisito presentato dall’OM n. 60/2020 e dal sistema informatico parla semplicemente di “precedente inserimento nella terza fascia delle graduatorie di istituto per la specifica classe di concorso” senza fare esplicito riferimento alle graduatorie del 2017.

Controllo dei titoli di accesso

Tra l’altro il controllo dei titoli di accesso non è così semplice, dal momento che se da un lato il requisito “precedente inserimento” può essere controllato al SIDI, nessuna indicazione è stata richiesta all’aspirante in sede di compilazione in merito ai 24 CFU o agli eventuali esami aggiuntivi per completare la laurea  e quindi le segreterie e gli Uffici Scolastici non hanno “appigli” per potersi documentare sulla veridicità delle dichiarazioni.
E’ successo anche questo
Graduatorie provinciali supplenze: alcuni ITP si sono iscritti ma non sono in possesso dei 24 CFU
GPS: falsa dichiarazione di essere “precedente inserimento”: motivo di esclusione e trasmissione all’Autorità Giudiziaria. Precisazioni

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia