GPS docenti: ci sarà nuovo REGOLAMENTO supplenze, i titoli di accesso. Sparirebbe seconda fascia infanzia e primaria e novità sostegno. Sindacati critici

WhatsApp
Telegram

Le nuove GPS dovrebbero essere regolamentate attraverso un nuovo Regolamento delle supplenze. Un anticipo delle nuove regole era già stato fornito due anni fa, ma poi per questioni di tempo il Ministero aveva preferito procedere con una nuova Ordinanza, rinviando ad oggi il confronto per le nuove regole. Si tratta di decisioni importanti, se si considera che il precedente Regolamento risale al dm n. 31 del 13 giugno 2007.

Il confronto Ministero – sindacati nel 2022

Dove eravamo: nel 2022 il Ministero aveva presentato ai sindacati una BOZZA di nuovo Regolamento delle supplenze.

Questa BOZZA aveva ricevuto il parere del CSPI e del Consiglio di Stato.

Ieri il Ministero ha presentato ai sindacati un testo che sostanzialmente – da quanto apprendiamo dai report sindacali – non è cambiato rispetto al testo originario, nonostante i rilievi presentati.

Durata triennale delle graduatorie

Il testo riguarda i nuovi inserimenti e l’aggiornamento delle GPS docenti nel triennio 2024/25, 2025/26, 2026/27 tuttavia – afferma la FLC IL “la pubblicazione del DPR potrebbe avvenire tardivamente rispetto alle tempistiche di aggiornamento delle GPS, prospettando la possibilità di una proroga dell’Ordinanza Ministeriale n.112/2022.

Il testo disciplina i titoli di accesso per prima e seconda fascia, le regole per gli incarichi al 31 agosto, 30 giugno e supplenze temporanee.

Le GPS sono costituite da due fasce

Le GPS relative ai posti comuni per la scuola secondaria di primo e secondo grado, distinte per classi di concorso, sono suddivise in fasce così determinate:

Posti comuni 

a) la prima fascia è costituita dai soggetti in possesso dello specifico titolo di abilitazione;

b) la seconda fascia è costituita dai soggetti in possesso dei titoli di studio e dei requisiti di accesso previsti dalla normativa vigente.

L’aspirante doveva essere in possesso del titolo entro il termine di presentazione della domanda.

Secondo la bozza non ci sarebbe più la seconda fascia per infanzia e primaria.

Posti di sostegno

Le GPS relative ai posti di sostegno, distinte per i relativi gradi di istruzione della scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado, sono suddivise in fasce così determinate:

a) la prima fascia è costituita dai soggetti in possesso dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno nel relativo grado;
b) la seconda fascia è costituita dai soggetti, privi del relativo titolo di specializzazione, che entro l’anno scolastico precedente a quello di presentazione dell’istanza per l’inclusione nelle GPS abbiano maturato tre annualità di insegnamento su posto di sostegno nel relativo grado e che siano in possesso:

i. per la scuola dell’infanzia e primaria, del relativo titolo di studio abilitante;
ii. per la scuola secondaria di primo e secondo grado, dell’abilitazione o del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado.

Personale educativo

Le GPS relative ai posti di personale educativo nelle istituzioni educative sono suddivise in fasce così determinate:

a) la prima fascia è costituita dai soggetti in possesso dello specifico titolo di abilitazione;
b) la seconda fascia è costituita dai soggetti in possesso dei titoli di studio e dei requisiti stabiliti dal decreto di cui all’articolo 1, comma 2.

Ai fini del conferimento delle supplenze presso i percorsi a differenziazione didattica Montessori, Agazzi e Pizzigoni gli aspiranti dichiarano gli specifici titoli posseduti.

Cosa non va secondo i sindacati

FLC CGIL: abbiamo subito posto l’attenzione su due tematiche di natura generale che sono per noi estremamente urgenti:

  • il tema della conferma del supplente di sostegno per l’anno scolastico successivo a cura del Dirigente scolastico su cui abbiamo espresso la nostra netta contrarietà;
  • l’aggiornamento delle GPS nel 2024 rispetto a cui riteniamo che l’amministrazione proceda troppo a rilento. Abbiamo sollecitato tutti i passaggi necessari, onde evitare rinvii.

Il tema della triennalità dell’aggiornamento, rispetto al quale siamo contrari

La soppressione della 2° fascia delle GPS della scuola primaria e dell’infanzia

La penalizzazione sulla 2° fascia GPS sostegno che impedisce ai supplenti di far valere l’anno in corso svolto su posto di sostegno ai fini dell’inserimento in 2° fascia

La mancanza di un impegno sulla pubblicazione preventiva delle disponibilità rispetto alla compilazione della scelta delle 150 sedi ai fini della stipula dei contratti al 30 giugno e 31 agosto.

Il rifiuto del “ripescaggio”, che consentirebbe a chi è stato scavalcato nel turno di nomina di poter essere richiamato nei turni successivi laddove sopraggiungano nuove sedi disponibili.

Abbiamo inoltre chiesto un intervento specifico teso a rendere utilizzabili gli spezzoni pari o inferiori a 6 ore ai fini della costituzione di posti orario

UIl Scuola RUA ha evidenziato queste criticità

  • La parte che riguarda gli effetti sanzionatori, che contengono per i supplenti delle conseguenze troppo punitive
  • È necessario ripristinare la possibilità del frazionamento di una cattedra intera al fine di consentire il completamento orario a chi ha una supplenza su uno spezzone
  • È indispensabile dare indicazioni chiare ai Dirigenti Scolastici circa l’utilizzo ottimale dell’organico dell’autonomia
  • Il divieto di presentare la messa a disposizione in altra provincia, se presenti nelle GAE o nelle GPS, non deve applicarsi qualora, entro un termine stabilito, il docente non abbia ricevuto nessun incarico nella provincia

ANIEF – mantenere l’aggiornamento delle GPS almeno su base biennale

garantire agli aspiranti “saltati” dal sistema informatizzato per non aver indicato tutte le preferenze di poter comunque partecipare ai successivi turni di nomina quanto meno per l’assegnazione delle disponibilità rese note successivamente;

modificare il sistema delle sanzioni, in particolare quella che prevede l’esclusione dalle nomine per l’intero periodo di vigenza delle graduatorie in caso di abbandono di servizio (la sanzione per ANIEF non andrebbe applicata in presenza di giustificati motivi e comunque dovrebbe essere limitata al solo anno scolastico di riferimento);

non considerare la mancata indicazione di preferenza per gli spezzoni e i posti a orario non intero come rinuncia a proposta di assunzione e, pertanto, come causa di esclusione dagli eventuali successivi turni di nomina per posti interi.

portare da 15 a 30 giorni il limite temporale di presentazione delle istanze;

innalzare il limite delle venti scuole esprimibili a trenta, ai fini della costituzione delle graduatorie di istituto per la copertura delle supplenze brevi e saltuarie;

consentire all’aspirante destinatario di incarico di raggiungere la sede per la presa di servizio effettiva oltre le 24 ore, se l’aspirante risiede in provincia diversa da quella da cui proviene la proposta di supplenza, e comunque non meno del tempo minimo necessario.

Quando entrerà in vigore il nuovo Regolamento

Durante l’informativa al Ministero non è stato specificato. La FLC CGIl riferisce che il Ministero “Ha comunicato inoltre che lo stato di avanzamento dell’iter, che ha già visto il pronunciamento da parte del CSPI e del Consiglio di Stato, oltre a un primo confronto con le Organizzazioni Sindacali, rende sostanzialmente definitivo il testo illustrato”

Tuttavia i tempi di pubblicazione potrebbero essere lunghi, tali da rendere necessaria la proroga dell’OM n. 112/2022 per assicurare l’aggiornamento delle GPS in tempo utile per le nomine dell’anno scolastico 2024/25.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri