GPS: conferma servizio 2021/22. Chi non presenta l’istanza si ferma al 31 maggio

WhatsApp
Telegram

Graduatorie GPS anni scolastici 2022/23 e 2023/24: a causa dell’anticipo dell’aggiornamento rispetto alla conclusione dell’anno scolastico e dei relativi contratti, nell’OM n. 112 del 6 maggio 2022 il Ministero ha previsto una successiva comunicazione per dichiarare il servizio eventualmente prestato dopo il 31 maggio.

La misura serviva a cautelare gli aspiranti che alla data del 31 maggio (arbitraria e finalizzata ai lavori tecnici di pubblicazione delle graduatorie) non avevano ancora raggiunto il massimo servizio per l’anno scolastico 2021/22.

Poiché non era possibile far dichiarare un servizio “in astratto” solo sulla base del contratto ma è necessario che il servizio sia prima svolto e poi dichiarato ai fini del punteggio, il Ministero ha permesso questa integrazione, anche grazie ai tempi più distesi con i quali si sta lavorando per avere delle graduatorie – si spera – più corrette rispetto a quelle del biennio precedente quando un aggiornamento lampo ad agosto non ha permesso di effettuare i dovuti controlli sul titolo di accesso.

Conferma servizio anno scolastico 2021/22

Avviso Ministero

Domande

Le domande per confermare l’avvenuta prestazione del servizio si possono presentare sino alle ore 23.59 del 15 luglio 2022, tramite Istanze Online, cui accedere con le credenziali del Sistema Pubblico di identità digitale (SPID) o di quelle della Carta di Identità Elettronica (CIE) o, in alternativa, di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”.

Chi non conferma

Naturalmente l’interesse dell’aspirante è di accedere al servizio per guadagnare quei punti che al 31 maggio mancavano.

Va detto che numerosi aspiranti con contratto al 30 giugno o 31 agosto, ma anche fino al termine delle lezioni, hanno cliccato su “contratto in essere” nonostante alla data del 31 maggio avessero già acquisito i 12 punti o comunque il punteggio massimo spettante per l’anno scolastico 2021/22.

In questo caso la conferma del servizio va (può) essere fatta. Ma chi non dovesse farla in ogni caso non perde nulla perché l’Ufficio Scolastico conterà il servizio fino al 31 maggio 2022 e per loro non cambierà nulla.

Il Ministero infatti aveva già affrontato questa problematica nella FAQ n. 36

“Ho un contratto di supplenza fino al 30 giugno. Posso comunicare il servizio per intero o devo chiudere il servizio al termine ultimo di presentazione domande?
Il servizio si può indicare per intero. Si dovrà poi, con apposita istanza da presentare on line, confermare l’avvenuta prestazione del servizio fino alla data dichiarata. In assenza di detta dichiarazione l’aspirante parteciperà alle GPS con un servizio fino alla data di presentazione dell’istanza. Qualora detto servizio concorra alle tre annualità previste per la partecipazione alle graduatorie di sostegno di seconda fascia, l’aspirante, inserito con riserva entro il termine di presentazione istanze, in assenza dei 180 giorni di servizio perderà il diritto a partecipare alla seconda fascia di sostegno.”

Graduatorie GPS, come si conferma il servizio del 2021/22 svolto dopo il 31 maggio. GUIDA PER IMMAGINI e RISPOSTE A QUESITI

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur