GPS con errrori: Anief fornisce modelli reclamo e segnala errori anche nella domanda online per supplenze e ruoli

Stampa

Anief –  Gli Ambiti Territoriali Provinciali hanno iniziato a pubblicare e ripubblicare le GPS corrette con le convalide dei punteggi e integrate con gli elenchi aggiuntivi di I fascia, ma appare già evidente che qualcosa nella procedura informatizzata non ha funzionato.

L’Anief, pertanto, ha già predisposto specifici modelli di reclamo che potranno essere richiesti alle singole sedi territoriali del giovane sindacato. Evidenziate nella domanda presente da oggi su Istanze OnLine, inoltre, gravi errori di gestione delle pratiche per quanti siano inseriti in GaE e GPS nella medesima provincia. AL momento in sindacato attende chiarimenti dal Ministero. Confermati i ricorsi Anief per gli esclusi della I fascia GPS senza i 3 anni di servizio su posto comune e svolto in scuola pubblica e per i precari inseriti in II Fascia GPS che non potranno aspirare all’immissione in ruolo.

Gli Ambiti Territoriali provinciali stanno provvedendo a ripubblicare le GPS corrette dopo le convalide dei punteggi per i docenti che quest’anno hanno ottenuto supplenza proprio da GPS e a integrarle con i candidati che hanno correttamente prodotto domanda si inserimento negli elenchi aggiuntivi di I fascia avendo conseguito l’abilitazione. Dalle segnalazioni pervenute al nostro sindacato, appare evidente che proprio il sistema informatizzato non abbia svolto correttamente il suo lavoro, tanto è vero che l’Ambito Territoriale di Roma, proprio nel decreto di pubblicazione delle GPS e degli elenchi aggiuntivi, rileva nelle premesse la considerazione “che per taluni aspiranti non è stato possibile l’aggiornamento della posizione nella fascia richiesta e/o l’esclusione, per errore tecnico del sistema informativo del ministero”, alla luce di queste problematiche, dunque, ovviamente presenti anche in altre province, l’Anief ha già predisposto specifici modelli di reclamo che saranno forniti a tutti gli iscritti dalle sedi territoriali del nostro sindacato avendo evidenziato plurimi errori come errato punteggio, mancata inclusione negli elenchi aggiuntivi, errato depennamento dei docenti di ruolo con riserva in alcune province. Ovviamente al momento il consiglio del sindacato Anief è di inviare immediato reclamo a mezzo pec agli AATTPP di gestione GPS e anche di attendere prima di accedere alla domanda online perché ancora non sono note le disponibilità effettive.

Ma la prima giornata di presentazione delle domande per partecipare alle procedure di conferimento incarichi a tempo determinato da GaE e GPS e per la partecipazione alle immissioni in ruolo straordinarie da GPS non è partita con il piede giusto a prescindere dalla mancata pubblicazione delle disponibilità che, comunque, dovrà avvenire entro il 13 agosto. Già l’Anief aveva provveduto, dopo l’ultimo incontro con il Ministero dell’Istruzione e con i tecnici del sistema informativo ministeriale, a chiedere esplicito chiarimento rispetto alla gestione delle domande per quanti fossero inseriti in GaE e in GPS per la stessa provincia. “La nostra delegata che ha presenziato a tutte le riunioni aveva già rilevato che, nella domanda che il Ministero ci aveva mostrato, non appariva evidente come un candidato inserito in GaE nella stessa provincia delle GPS per le stesse classi di concorso, ad esempio AAAA e EEEE – spiega il presidente nazionale Anief Marcello Pacifico – potesse compilare esclusivamente la domanda per le classi di concorso delle GPS e oggi abbiamo constatato che il problema è reale e un candidato in GaE nella stessa provincia non può ordinare le preferenze scegliendo di farlo solo ed esclusivamente per le GPS e non per le GaE. L’Ordinanza Ministeriale n. 60/2020, invece, permetteva a un candidato inserito in GaE di non presentarsi alle nomine da quelle graduatorie e attendere la convocazione da GPS nella stessa provincia. Il sistema informatizzato non permette quanto invece espressamente consentito dalla normativa. Dunque oggi stesso invieremo ulteriore richiesta al Ministero sollecitando una risposta per effettuare le dovute correzioni alla domanda online in cui abbiamo rilevato anche altre criticità e che, così come conformata, andrà a sfalsare l’attribuzione degli incarichi e questo non è possibile perché il candidato in GaE è costretto dal sistema a compilare la richiesta supplenza per le GaE perdendo il turno per le GPS visto che il sistema alla conclusione della procedura darà un solo esito. Il Ministero ci deve chiarire se questo esito sarà comunque distinto e conferito sia per le GaE sia per le GPS, altrimenti è un’illegittimità che va contro l’Ordinanza Ministeriale 60/2020”. Quanti, invece, sono inseriti in GaE e in GPS in province differenti, non hanno questa problematica visto che il sistema divide per province le procedure di scelta sede e, dunque, appare ancora più evidente la disparità di trattamento per quanti sono in GaE e GPS nella stessa provincia. Attendiamo che il Ministero chiarisca sul punto la procedura informatizzata.

Confermato, inoltre, il contenzioso Anief per far partecipare alle procedure di nomina in ruolo straordinario da I Fascia GPS anche il personale che non ha 3 anni di servizio in scuola pubblica su posto comune e l’azione legale specifica per rivendicare il diritto anche dei precari inseriti nella II Fascia GPS di poter presentare la domanda per l’immissione in ruolo. Quanti preaderiranno entro il prossimo 12 agosto riceveranno, entro pochi giorni, le istruzioni operative redatte dall’Ufficio Legale Anief per poter inviare domanda cartacea sostitutiva ai fini dell’effettiva adesione al ricorso.

Stampa