GPS 2022/24, Anief: c’è l’inserimento dei nuovi abilitati e specializzati negli elenchi aggiuntivi della prima fascia, domande probabilmente da presentare dal 12 al 27 aprile

WhatsApp
Telegram

Si apre una “finestra” per i nuovi abilitati all’insegnamento e per gli specializzati sul sostegno da collocare nella rispettive fasce delle graduatorie utili alle supplenze: l’annuncio ufficiale è arrivato oggi durante un incontro tra ministero dell’Istruzione e del Merito e le organizzazioni sindacali rappresentative per l’informativa sul decreto che avvierà le procedure per gli inserimenti negli elenchi aggiuntivi alle Graduatorie provinciali per supplenza, dette GPS, di prima fascia e corrispondenti graduatorie di istituto (GI) di seconda fascia, posti comune e sostegno.

Il periodo ipotizzato è quello compreso tra le ore 9,00 del 12 aprile 2023 e le ore 14,00 del 27 aprile 2023, durante il quale saranno disponibili sulla piattaforma “Istanze On Line” le funzioni telematiche per la presentazione delle istanze finalizzate all’inserimento. Potranno presentare istanza di inclusione negli elenchi aggiuntivi gli aspiranti che conseguiranno il titolo di abilitazione o di specializzazione entro il 30 giugno 2023.

Il ministero ha anche comunicato che coloro che conseguiranno il titolo di abilitazione e/o specializzazione successivamente alla data del 27 aprile 2023 ed entro il 30 giugno 2023 si iscriveranno con riserva, che potranno sciogliere in una finestra temporale compresa tra il 19 giugno ed il 4 luglio 2023. La riserva è sciolta negativamente qualora il titolo non venga conseguito entro il 30 giugno 2023 o non venga fornita comunicazione dell’avvenuto conseguimento con le modalità sopra descritte entro il 4 luglio 2023. Gli unici a cui sarà consentito sciogliere la riserva oltre il 4 luglio saranno gli abilitati e/o specializzati sul sostegno all’estero che, potranno inserirsi con riserva solo se avranno inviato la pratica di riconoscimento entro la data di scadenza del 27 aprile, potendo quindi sciogliere la riserva anche in corso d’anno scolastico.

Quest’ultima è la prima azione concreta ottenuta dall’Anief dopo il lancio per la campagna per il riconoscimento dei titoli accademici conseguiti all’estero, anche se ancora rimane irrisolto il problema dell’ingiustificabile ritardo nell’esame delle migliaia di domande presentate per l’esecuzione del quale è stato nominato già il commissario ad Acta. A tal proposito il presidente, Anief continua a chiedere la revisione del decreto originario: “L’adunanza plenaria ha chiarito un principio chiaro e semplice: laddove c’è il riconoscimento dei titoli dei Paesi della Comunità Europea, ai sensi delle direttive che garantiscono anche la mobilità professionale, questi titoli devono essere garantiti e valutati e riconosciuti ai fini dello svolgimento del lavoro; quindi, il Ministro dell’Istruzione proceda con la revisione degli atti che ha regolato i contratti e le immissioni in ruolo”, ha detto Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief.

Coloro che invece risultino già inseriti nelle GPS di seconda fascia per le classi di concorso o posti per le quali si dichiara il possesso del titolo di abilitazione, verranno collocati nell’elenco aggiuntivo della relativa GPS di prima fascia e negli elenchi aggiuntivi delle GI di seconda fascia per la medesima provincia e per le istituzioni scolastiche richieste all’atto di presentazione della domanda di cui all’articolo 7 dell’OM 112/2022.

Così come anche gli aspiranti non già inseriti nelle GPS di seconda fascia per le classi di concorso o posti per la scuola dell’infanzia o primaria, per le quali si dichiara il possesso del titolo di abilitazione, ma presenti in altra GPS, verranno collocati nell’elenco aggiuntivo della relativa GPS di prima fascia e sceglieranno sino a 20 istituzioni scolastiche per la collocazione negli elenchi aggiuntivi delle relative GI di seconda fascia, nella stessa provincia per la quale hanno presentato domanda sempre ai sensi dell’articolo 7 dell’OM 112/2022. L’aspirante non inserito in alcuna GPS procederà invece alla scelta della provincia di inserimento e sino a un massimo di 20 istituzioni scolastiche, nella medesima provincia, per ogni insegnamento per il quale dichiarerà il possesso del titolo di abilitazione.

Tutti gli aspiranti saranno graduati secondo i punteggi previsti dalla corrispondente tabella A allegata all’OM 112/2022 e dunque: gli aspiranti già presenti nelle GPS di seconda fascia dichiareranno solo i titoli non dichiarati all’atto della domanda di inserimento, ma conseguiti entro la data del 31 maggio 2022 (detti titoli sono validi esclusivamente per le graduatorie degli elenchi aggiuntivi); gli aspiranti che si inseriranno per la prima volta, potranno dichiarare tutti i titoli posseduti e conseguiti entro la data del 31 maggio 2022, fissata come termine di scadenza per l’iscrizione nelle GPS e correlate GI valide per il biennio 2022/23-2023/24. Per i docenti abilitati o specializzati all’estero, Anief ha avviato uno specifico percorso per ottenere il commissariamento o l’esecuzione positiva del giudicato e per monitorare e realizzare rapidamente l’esecuzione delle ordinanze commissariali.

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo