Global Teacher Prize, Lorella Carimali tra i 50 finalisti. Collaborerà con il Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Miur – Innovazione della didattica della matematica e diffusione delle materie cosiddette “Stem” (acronimo di Science, Technology, Engineering and Mathematics). Sono i temi su cui la professoressa Lorella Carimali, docente di matematica al Liceo Scientifico Statale “Vittorio Veneto” di Milano, collaborerà con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

La professoressa Carimali è stata ricevuta oggi dalla Ministra Valeria Fedeli anche in vista della sua partecipazione nei prossimi giorni al Global Education & Skills Forum di Dubai dove rappresenterà l’Italia. La docente è infatti fra i 50 finalisti del Global Teacher Prize, il cosiddetto Nobel degli insegnanti, ed è stata selezionata proprio per il suo metodo didattico per l’insegnamento della matematica. Per i prossimi 10 anni la docente sarà Global Education Ambassador della Varkey Foundation, ideatrice del Global Teacher Prize. Gli Ambassador saranno chiamati a condividere il loro metodo didattico attraverso conferenze, Ted Talks, workshop.

“La professoressa Carimali rappresenta una delle eccellenze della nostra scuola che vogliamo e dobbiamo valorizzare. Anche per questo le ho chiesto di collaborare direttamente con il Ministero a partire dalle prossime settimane. L’impegno e la passione che mette nell’insegnamento della matematica sono una ricchezza e possono essere fonte di ispirazione per altre e altri docenti. Siamo orgogliosi del fatto che rappresenterà il nostro Paese anche in contesti internazionali”, dichiara la Ministra Valeria Fedeli.

A Dubai saranno presenti, inoltre, studentesse e studenti che parteciperanno a una simulazione sui temi della sostenibilità dell’Agenda 2030 e a un percorso didattico innovativo organizzato dal MIT di Boston, confrontandosi con giovani di altri Paesi del mondo e diffondendo l’esperienza italiana e le buone pratiche sull’innovazione.

Roma, 13 marzo 2018

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione