Global Teacher Prize, aperte le candidature. Quest’anno c’è anche un premio per i migliori studenti: Chegg.org Global Student Prize

Stampa

Ranjitsinh Disale, vincitore del Global Teacher Prize 2020, in collaborazione con l’UNESCO, invita insegnanti e studenti di tutta Italia a candidarsi al premio per insegnanti Global Teacher Prize da un milione di dollari, alla settima edizione, e al nuovo premio per studenti da 50.000 dollari, il Chegg.org Global Student Prize, lanciato dalla Varkey Foundation.

“Sia docenti che studenti meritano un enorme riconoscimento per il loro eroismo durante la pandemia e per il ruolo di primo piano che assumeranno nella futura ricostruzione”, ha dichiarato.

Gemello del Global Teacher Prize, il Chegg.org Global Student Prize punta a creare una nuova potente piattaforma per evidenziare studenti straordinari di tutto il mondo, che stanno avendo un’influenza importante sull’apprendimento e sulla vita dei loro compagni, nonché sulla società intera.

Il premio è aperto a tutti gli studenti di almeno 16 anni che sono iscritti a un’istituzione accademica o ad un programma di formazione professionale. Possono partecipare anche studenti part-time e studenti iscritti a corsi online.

Insieme, il Global Teacher Prize e il Global Student Prize racconteranno storie stimolanti da entrambe le facce del mondo dell’educazione. I premi metteranno in luce il grande lavoro degli insegnanti nel preparare i giovani al futuro e la straordinaria promessa rappresentata dagli studenti più brillanti per la scuola e la società in generale.

Sunny Varkey, fondatore del Global Teacher Prize e del Global Student Prize, ha affermato: “Questi due premi sono stati creati per sottolineare l’importanza dell’educazione nell’affrontare le grandi sfide che ci aspettano, dai cambiamenti climatici alla crescente disuguaglianza e alle pandemie globali. Anche ora che i leader mondali sono occupati a perseguire il fondamentale obiettivo di mettere fine a questa terribile pandemia, li invito a non dimenticare mai che solo dando la priorità all’educazione possiamo salvaguardare il nostro futuro. L’istruzione è la chiave per affrontare il futuro con fiducia“.

Gli insegnanti che si candidano al Global Teacher Prize saranno valutati sulla base di pratiche didattiche, raggiungimento di obiettivi di apprendimento dimostrabili, innovazioni per affrontare sfide locali, nonché sul loro impatto sulla comunità anche al di fuori della classe, su come aiutano i ragazzi a diventare cittadini del mondo, su come migliorano la professione e sui riconoscimenti di enti esterni.

Gli studenti che si candidano al Global Student Prize saranno valutati sulla base dei loro risultati accademici, dell’impatto sui compagni, su come fanno la differenza nella loro comunità, su come superano le difficoltà per raggiungere gli obiettivi, come dimostrano creatività e innovazione, e come si comportano da cittadini del mondo. Candidature e nomine entro venerdì 30 aprile 2021.

Sul sito www.globalteacherprize.org è possibile candidarsi sial al Global Teacher Prize sia al Global Student Prize, entro venerdì 30 aprile 2021.

Per entrambi i premi, saranno selezionati 50 candidati e, in seguito, saranno annunciati i nomi dei 10 finalisti, che hanno contribuito ad accrescere il rispetto verso la professione di insegnante e a fornire un riconoscimento globale agli studenti più brillanti.

Tra questi ultimi, la Global Teacher Prize Academy, costituita da personalità di rilievo, sceglierà i vincitori di entrambi i premi. I vincitori saranno annunciati in diretta durante una cerimonia speciale.

Per candidare un insegnante o uno studente, chi lo propone deve scrivere una breve descrizione online per spiegare la propria scelta.

L’insegnante o lo studente/la studentessa candidato/a da altri riceverà quindi un’e-mail che lo/la informa della nomina e lo/la invita a candidarsi. L’iscrizione può essere compilata in inglese, cinese mandarino, arabo, francese, spagnolo, portoghese e russo. 

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur