Global Teacher Prize 2021, vince l’insegnante statunitense Keishia Thorpe [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

L’insegnante statunitense Keishia Thorpe, che ha aperto l’istruzione universitaria per studenti a basso reddito, figli di immigrati americani di prima generazione e rifugiati, è stata nominata vincitrice del Global Teacher Prize 2021 Varkey Foundation, in collaborazione con l’UNESCO.

Giunto alla sua settima edizione, il premio da 1 milione di dollari è il più grande del suo genere.

Nel frattempo, Jeremiah Thoronka, uno studente della Sierra Leone, che ha inventato un dispositivo che utilizza l’energia cinetica del traffico e dei pedoni per generare energia pulita, è stato nominato vincitore del Chegg.org Global Student Prize 2021. Jeremiah è il primo vincitore di questo nuovo premio da $ 100.000, gemello del Global Teacher Prize, che viene assegnato a uno studente eccezionale  che  ha avuto un impatto reale sull’apprendimento, sulla vita dei coetanei e sulla società.

Keishia, insegnante di inglese presso l’International High School Langley Park, Bladensburg, Maryland, è stata selezionata tra oltre 8.000 nomine e candidature provenienti da 121 paesi in tutto il mondo. Jeremiah, uno studente di 21 anni di Freetown, Sierra Leone, è stato selezionato tra oltre 3.500 nomine e candidature provenienti da 94 paesi in tutto il mondo.

Unico Europeo in finale, lo studente di Lecce Mirko Cazzato (co-fondatore del Movimento antibullismo MABASTA) entrera nella “Chegg Changemaker community”, una comunità globale di studenti che lavorano insieme per rendere la vita migliore per i loro coetanei e il mondo che erediteranno. Mirko, è stato scelto tra oltre 3.500 candidature provenienti da 94 Paesi di tutto il mondo.

Leonardo Durante, docente di Sistemi Automatici presso l’Istituto Tecnico Industriale “Enrico Fermi” di Roma, diviene “Global Teacher Prize Ambassador”, che lo vedrà impegnato a diffondere i propri metodi innovativi nel mondo.  Leonardo è stato scelto nella rosa dei 50 pre-selezionati tra oltre 8.000 candidature, provenienti da 121 Paesi di tutto il mondo, per l’innovazione, l’entusiasmo dei suoi studenti e il desiderio di creare invenzioni che possano risolvere sfide pratiche.

Keishia Thorpe attualmente insegna inglese agli studenti di 12 ° grado presso l’International High School Langley Park, Bladensburg, Maryland, Stati Uniti, una scuola in cui il 100% dei suoi studenti sono studenti di lingua inglese e il 95% si identifica come a basso reddito. Keishia ha completamente ridisegnato il curriculum di 12 ° grado per il dipartimento di inglese per renderlo culturalmente rilevante per i suoi studenti che sono americani di prima generazione, immigrati o rifugiati provenienti principalmente dall’Africa, dal Medio Oriente, dai Caraibi e dal Sud e Centro America. Come risultato dei suoi interventi, i suoi studenti di lingua inglese hanno mostrato un aumento del 40% della loro abilità di lettura, che ha contribuito a far raggiungere alla scuola il suo obiettivo di crescita con un aumento del 10% dei punteggi WIDA per il 2019-2020 e il più alto nel distretto scolastico per gli ELL.

Keishia dedica molto tempo a incoraggiare i suoi studenti delle scuole superiori a iscriversi all’università, assistendoli con le loro domande e aiutandoli a ottenere borse di studio completamente finanziate. Ha aiutato i suoi studenti senior solo nel 2018-2019, a vincere oltre $ 6,7 milioni in borse di studio per 11 diversi college con quasi il 100% di loro senza tasse scolastiche.

La cura di Keishia va ben oltre la classe. Uno dei suoi più grandi successi è stato quello di co-fondare (insieme a sua sorella gemella, la dottoressa Treisha Thorpe) la U.S. Elite International Track and Field, Inc, un’organizzazione senza scopo di lucro che offre agli studenti-atleti “a rischio” di tutto il mondo l’opportunità di far leva sui loro talenti come veicolo per accedere a borse di studio completamente finanziate per college e università statunitensi. U.S. Elite ha costruito una rete di allenatori universitari statunitensi con cui gli studenti-atleti sono accoppiati, al fine di guadagnare borse di studio. Ad oggi, ha aiutato oltre 500 studenti a ottenere borse di studio completamente finanziate per atletica leggera. Grazie a U.S. Elite oltre il 90% degli studenti membri ha conseguito una laurea universitaria, circa il 20% ha conseguito un master e l’8% il dottorato.

Keishia ha anche istituito una borsa di studio annuale e un’ Athletic Convention, dove gli allenatori dei College e le equipe responsabili delle ammissioni informano studenti-atleti economicamente svantaggiati sulle ammissioni al college e interagiscono con loro uno a uno, permettendo a molti di essere reclutati immediatamente. Keishia è stata onorata con la Medal of Excellence dal Governatore dello stato del Maryland per il suo lavoro nell’influenzare politiche eque nell’istruzione e nominata National Life Changer of the Year in tutti gli Stati Uniti per il 2018-2019, un premio assegnato agli insegnanti che ispirano e vanno ben oltre il dovere per i loro studenti, “esemplificando eccellenza, influenza positiva e leadership”.

Jeremiah Thoronka è nato durante la guerra civile in Sierra Leone e cresciuto con la madre in una baraccopoli per sfollati alla periferia della capitale Freetown, costretti a bruciare carbone e legna per l’illuminazione ed il riscaldamento. Jeremiah vide con i suoi occhi come, oltre allo smog fotochimico che causava problemi respiratori, i suoi coetanei rimanevano indietro nei loro compiti scolastici in mancanza di un’illuminazione decente.

La povertà energetica è un problema importante in Sierra Leonne – con solo  il 26% della popolazione che ha accesso all’elettricità, e solo il 6% nelle zone rurali, dovendo ricorrere a lanterne e batterie. Gli alberi sono abbattuti per la legna da ardere, portando alla distruzione delle foreste, il che rende la Sierra Leone altamente vulnerabile a eventi estremi come inondazioni e frane. La dipendenza delle famiglie dalla legna da ardere e dai generatori di cherosene a basso costo causa anche a frequenti incendi domestici.

Questi svantaggi e difficoltà potenzialmente letali hanno alimentato la passione di Jeremiah per le energie rinnovabili e la lotta ai cambiamenti climatici. A 17 anni, mentre studiava all’African Leadership University in Ruanda, ha creato una start-up chiamata Optim Energy che trasforma le vibrazioni dei veicoli e il calpestio pedonale sulle strade in corrente elettrica.  A differenza dalle fonti di energia rinnovabile consolidate, tra cui l’eolico o il solare, l’ energia viene generata senza fare affidamento alle condizioni meteorologiche. Allo stesso tempo, non è necessaria alcuna batteria e nessun collegamento elettrico a una fonte di alimentazione esterna.

Optim Energy ha condotto un programma pilota di successo nei quartieri di Makawo nella parte settentrionale della Sierra Leone e Kuntoluh a est di Freetown. Con solo due dispositivi, la start-up ha fornito elettricità gratuita a 150 famiglie composte da circa 1.500 cittadini, oltre a 15 scuole frequentate da oltre 9.000 studenti.

Jeremiah sta attualmente sviluppando piani per espandere la sua innovazione nel settore sanitario, che ha bisogno di elettricità per raffreddare  farmaci e vaccini  e creare luce sufficiente per il trattamento dei pazienti dopo il tramonto.

Jeremiah è stato nominato Academic Impact Millennium Fellow delle Nazioni Unite e  Optim Energy e’ stat votata la start up maggiormente innovativa nel settore dell’ energia del 2020 dall’ United Nations Major Group on Children and Youth (UNMGCY), e dal  Sustainable Development Goal (SDG) 7 Youth Constituency. Jeremiah è anche uno dei top 100 Young African Conservation Leaders del WWF.

Jeremiah si propone di usare i 100,000 dollari del Global Student Prize per estendere Optim Energy per raggiungere 100,000 people entro il 2030.

Gli altri finalisti per il Global Teacher Prize 2021 sono stati Ana Maria Stelman dall’Argentina, Breanna Heels dal Canada, Bryant Acar dalle Filippine, Diana Lorena Rubio dal Messico, Evans Odei dal Ghana, Juline Rault dalla Francia, David Swanston dal Regno Unito, Rebecca West dall’Australia e Soraya Motaharnia dall’Iran.

Gli altri altri finalisti per il Global Student Prize 2021 sono Amisa Rashid  dal  Kenya,  Ana Julia Monteiro de Carvalho dal Brasile,  Kehkashan Basu  dal  Canada,  Lamya Butt  dagli Emirati Arabi Uniti, Elliott Lancaster  dal Regno Unito, Matine Khalighi  dagli Stati Uniti,  Mirko Cazzato dall’Italia,  Oluwadamilola Akintewe dalla Nigeria  e  Seema Kumari dall’India.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur