Global Teacher Prize 2020, l’italiano Carlo Mazzone tra i dieci finalisti

Stampa

L’insegnante italiano Carlo Mazzone è stato nominato tra i 10 finalisti del Global Teacher Prize 2020, premio in collaborazione con l’Unesco.

Giunto alla sesta edizione, il riconoscimento da 1 milione di dollari istituito dalla Varkey Foundation è il premio più ingente nel suo genere.

Il vincitore sarà annunciato durante la cerimonia di assegnazione del Global Teacher Prize che si terrà il 3 dicembre 2020 virtualmente per la prima volta nella sua storia a causa della pandemia di COVID-19.

Fra i top 10 con Carlo Mazzone anche gli insegnanti Jamie Frost (Inghilterra), Mokhudu Cynthia Machaba (Sudafrica), Leah Juelke (Stati Uniti) e Yun Jeong-hyun (Corea del Sud).

I restanti cinque finalisti saranno annunciati nelle prossime settimane.

Carlo Mazzone insegna in un’area ad alto tasso di disoccupazione e la sua principale innovazione è stata creare materiale didattico basato su una vasta esperienza di quello che funziona realmente nel suo campo.

Nel corso degli anni, il su lavoro pubblicato su C e C++ è diventato un bestseller in Italia ed è utilizzato anche in alcune università. Detiene anche il titolo ufficiale di Animatore digitale, ovvero guida la realizzazione nella sua scuola del Piano Nazionale Scuola Digitale del Governo.

“Congratulazioni a Carlo Mazzone per essere stato scelto come uno dei primi dieci finalisti tra un numero così elevato di talentuosi e motivati insegnanti. Spero che la sua storia ispiri chi vuole intraprendere la professione di insegnante e metta in luce l’incredibile lavoro svolto quotidianamente dagli insegnanti in Italia e nel mondo”, ha dichiarato Stefania Giannini, ex ministro dell’Istruzione e attualmente vicedirettore generale dell’UNESCO per il settore educazione.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia