Gli studenti come computer nei quali gli insegnanti inseriscono i file. Lettera

Stampa

Inviata da Aita Roberto – Sono un Insegnante in un Istituto Professionale da 36 anni, la presente per esprimere le mie considerazioni riguardo alla “d.a.d.”.

Purtroppo nel corso degli anni ho constatato un notevole cambiamento nel comportamento degli studenti: sempre più individualismo e isolamento a discapito della condivisione e rapporti sociali; senza dubbio queste problematiche si sono acutizzate con l’arrivo dei cellulari, davanti ai quali i ragazzi passano buona parte della giornata.

Ora con questa situazione anche il tempo scolastico che, era per molti l’unica occasione di rapporti sociali, viene meno a causa della “d.a.d.”.

Gli studenti, nel percorso della loro crescita si trovano a dover apprendere tutto in modo virtuale come se fossero dei computer nei quali gli insegnanti inseriscono i file, l’apprendimento non è solo la conoscenza delle cose, ma deve essere molto di più, che solo la presenza fisica, un sorriso può fare….

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur