Gli stipendi dei prof non scattano, restano al palo!

di Lalla
ipsef

Libero Tassella –  Informativa Mef n. 181 del 29 dicembre 2010, gli stipendi degli insegnanti resteranno al palo per anni.

Libero Tassella –  Informativa Mef n. 181 del 29 dicembre 2010, gli stipendi degli insegnanti resteranno al palo per anni.

Blocco di classi e scatti per il personale della Scuola .L’’articolo 9, comma 23, stabilisce che per il personale docente, Amministrativo, Tecnico ed Ausiliario (A.T.A.) della Scuola, gli anni 2010, 2011 e 2012 non sono utili ai fini della maturazione delle posizioni stipendiali e dei relativi incrementi economici previsti dalle disposizioni contrattuali vigenti

Per gli adempimenti relativi all’anno 2010 questa Direzione è in attesa di riscontro da parte della Ragioneria Generale dello Stato – IGOP a cui è stata inoltrata apposita richiesta .Per gli anni 2011 e 2012 si è proceduto alla proroga per 2 anni delle classi e degli scatti che maturino con decorrenza successiva al 1° gennaio 2011.

Anche in questo caso eventuali ricostruzioni applicate da codesti Uffici dovranno tener conto della progressione per detti periodi ai fini dell’attribuzione delle classi successive.

IL DIRIGENTE Roberta LOTTI

(da Informativa MEF del 29.12.2010)

Insomma in parole povere, per il 2010 campa cavallo,” si è in attesa di…” per  chi scatta negli anni  2011/12 putroppo non c’è certezza alcuna, tutto resta  fermo, tutto è prorogato; questo vuol dire scatti bloccati, padron prorogati, per due anni, a cui dobbiamo aggiungere i contratti saltati, l’unica cosa che ci rimane è la burletta della  “quattordicesima” della signora Gelmini.

E pensare che questi sarebbero soldi derivati dal massacrante taglio sulla scuola e i suoi organici, il più grande effettuato nel pubblico impiego, voluto da Tremonti e realizzato dalla Gelmini.

Ringraziamo intanto tutti i sindacati concertativi CISL UIL SNALS e FGU per il bel risultato raggiunto. Ora questi rischiano di rimanere rappresentativi ope legis e allora cominciamo a disdettare perché potrebbe essere troppo tardi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione