Giulia Cecchettin, Crepet: “Pace tra i generi? Non torniamo ai grembiulini rosa e azzurri, ma guardiamo alle persone”

WhatsApp
Telegram

Due opinioni contrastanti riguardo il tema della pace tra i generi. Da una parte il vescovo di Padova, Claudio Cipolla, dall’altra lo psichiatra Paolo Crepet.

Cipolla, nel suo intervento, ha invitato a un apprendimento basato sull’amore e sul rispetto reciproco tra maschi e femmine. Il vescovo ha sottolineato l’importanza di cercare il bene dell’altro e ha espressamente condannato ogni forma di sopraffazione e abuso. La sua richiesta, “Insegnaci, Signore, la pace tra generi”, risuona come un appello alla società per una maggiore consapevolezza e sensibilità verso la parità e l’equità di genere.

D’altra parte, Crepet ha messo in discussione l’accento posto sul genere, proponendo invece di focalizzarsi sulle persone come individui. Crepet ha evidenziato come la sessualità vada distinta, un passo avanti nel pensiero contemporaneo. Lo psichiatra ha espresso apprezzamento per i progressi compiuti in ambiti accademici, come l’esempio di un rettore donna a Padova, città storicamente significativa per l’istruzione femminile.

Mentre Cipolla pone l’accento sulla necessità di un equilibrio e rispetto tra generi, Crepet invita a guardare oltre il genere stesso, focalizzandosi sulla persona. Questi due punti di vista, pur partendo da prospettive diverse, convergono sull’importanza di un dialogo costruttivo e inclusivo nella società. Entrambi riconoscono la necessità di superare pregiudizi e stereotipi per costruire una società più giusta ed equa.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri