Gissi (CISL): vogliono accontentarci con pochi spiccioli, risposte certe per i precari

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Oggi a Roma manifestazione per contestare la legge di bilancio da poco varata dal Parlamento. Abbiamo sentito gli esponenti più rappresentativi del mondo scuola presenti alla manifestazione.

“Il Governo – ci ha detto la Gissi, segretario della CISL scuola – non ha individuato  la scuola come il centro delle nostre prospettive, serve attenzione per il capitale umano a questo paese. Se pensano di accontentarci con pochi spiccioli non ci stiamo, non solo per la rivendicazione contrattuale, ma perché vogliamo dare risposte ai precari e vogliamo che la scuola resti unitaria.”

Sulla prospettiva di regionalizzazione del comparto scuola, così il segretario CISL scuola: “una brutta pagina. L’Italia non si parcellizza.”

Bene accolto il provvedimento per le pensioni anticipate quota 100, “va bene come prima risposta al blocco Fornero, – ha detto – ma quota 100 ha escluso le donne con maternità”

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione