Gissi (Cisl Scuola): “Mondo dell’istruzione è in grande difficoltà, uno sciopero ora non serve”

WhatsApp
Telegram

“La scuola è in grande difficoltà e ora ha bisogno di un grande sostegno di tutta l’opinione pubblica: uno sciopero potrebbe non essere compreso in un momento storico come questo. Forse sarà necessario quando si andrà alla trattativa sul rinnovo contrattuale, che però al momento non appare all’orizzonte”.

Così Maddalena Gissi, segretaria Cisl Scuola, all’agenzia Askanews spiega perchè il suo sindacato sarà l’unico a non partecipare allo sciopero della scuola del prossimo 10 dicembre, indetto da Flc Cgil, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda degli Insegnanti.

“Noi non partecipiamo e seguiamo la mobilitazione confederale proclamata il 28 ottobre da Cgil, Cisl e Uil: siamo in piazza insieme ai tre segretari confederali, garantendo la testimonianza dei lavoratori della scuola”, dice: “L’obiettivo è portare a casa risultati attraverso una pressione sul ministro Bianchi e seguendo la linea del nostro segretario Luigi Sbarra che a palazzo Chigi, il 17 novembre, con Draghi ha parlato della grave situazione che vive la scuola nella legge di bilancio: è stato l’unico segretario in questo senso. Stiamo comunque preparando gli emendamenti” alla Manovra “e avviando l’interlocuzione” in Parlamento.

Oltre alla Manovra, per la segretaria Cisl Scuola “la partita è confederale su pensioni e delega fiscale. Un’azione confederale è molto più forte e potrà essere più duratura: abbiamo bisogno di un provvedimento scuola, come è stato per il Patto”.

Nessuna spaccatura, in ogni caso, con gli altri sindacati della scuola che hanno proclamato lo sciopero: “Gli obiettivi sono comuni, cambiano metodi e strategie. Certo: con uno sciopero a ridosso del rinnovo delle Rsu l’apparire rischia di soppiantare il raggiungimento degli obiettivi“, conclude Gissi.

Di Meglio (Gilda): “1300 euro per spostarsi da Sud a Nord, forse sarebbe conveniente andare a raccogliere pomodori” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito