Gissi (CISL): ragazze e ragazzi energia pulita che muove il futuro del nostro pianeta

Stampa

“Le ragazze e i ragazzi che manifesteranno oggi per rivendicare politiche di salvaguardia dell’ambiente sono l’energia pulita che può muovere il futuro del nostro pianeta. È giusto è bello che agiscano in autonomia, per noi un preciso dovere rispettarla, pur esprimendo vicinanza e condivisione delle ragioni che li muovono”.

Così Maddalena Gissi, segretaria generale della CISL Scuola, nella giornata in cui anche in Italia migliaia di giovani riempiranno le piazze di tante città per il Freeday for Future.

“Una cultura per l’ambiente è tema che ci coinvolge direttamente come gente di scuola, per il compito che ci è affidato di istruire e educare. Oggi sono le giovani generazioni a insegnare qualcosa a tutti noi, qualcosa di importante che ci sollecita ad avere sulle questioni della cura e della salvaguardia dell’ambiente più attenzione e impegno”.

Attenzione e impegno che paragono anche da abitudini e comportamenti, “piccole cose di grande significato – afferma la Gissi – come la scelta di rendere sempre più plastic free la nostra sede nazionale, o di caratterizzare quanto più possibile in tal senso ogni nostra manifestazione”.

Saranno tante, oggi, le iniziative che vedono coinvolta la CISL Scuola, in molti casi in collaborazione con la FAI CISL (Federazione Agricola Alimentare Ambientale Industriale): si pianteranno alberi, si farà omaggio di borracce in alluminio, si svolgeranno corsi di formazione sull’educazione alla cura dell’ambiente.

Ma il tema dell’ecologia caratterizzerà per tutto l’anno scolastico l’impegno della CISL Scuola anche attraverso le pagine dell’Agenda 2019/20, il cui filo conduttore, il Cantico delle Creature, dà lo spunto ad approfondimenti mensili affidati ad autorevoli interventi in cui la salvaguardia della natura in tutti i suoi aspetti è oggetto costante di riflessione e di proposta.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite