Gissi (CISL): in piazza con don Ciotti il 10 gennaio per “Foggia libera Foggia”

Stampa

“La scuola non può non esserci quando si vuole affermare il valore di una civile convivenza che ha come base fondamentale anche il rispetto della legalità”.

“Dico di più: lo sforzo per difendere e promuovere quei valori rischia di essere vano se non vede assegnato all’educazione e alla scuola un ruolo centrale. La mia presenza, come responsabile del più grande sindacato della scuola, vuole essere in questo senso una chiara testimonianza e una precisa assunzione di impegno”. Così Maddalena Gissi, segretaria generale della CISL Scuola, annuncia la sua partecipazione alla manifestazione promossa per il 10 gennaio a Foggia da Libera, l’associazione guidata da don Luigi Ciotti. All’iniziativa, che si prefigge di dare un segnale di forte reazione alla recrudescenza dei fenomeni di criminalità organizzata, illegalità e violenza sul territorio, hanno dato da subito formale adesione le segreterie di CGIL, CISL e UIL, che in un comunicato richiamano la linea di continuità fra la manifestazione del 10 gennaio, “Foggia Libera Foggia”, e il percorso avviato il 5 dicembre 2019 dai sindacati con #foggiaterradilegalità, evento promosso per “mettere in rete le forze sane e positive di tutta la Capitanata, riappropriarsi degli spazi di partecipazione, riscoprire la grande bellezza del territorio”.

“Condivido pienamente quanto affermano CGIL, CISL e UIL di Foggia – dichiara Gissi – la lotta alla criminalità organizzata e alla illegalità non potrà mai esaurirsi in una manifestazione di piazza, è un compito da affrontare ogni giorno, deve vedere in prima fila le istituzioni ma sollecita in modo particolare chi ricopre ruoli educativi e formativi. Famiglia e scuola sono chiamate per questo a cooperare con la massima efficacia in una relazione indispensabile di mutuo sostegno”.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche