Giornate mondiali della lingua e cultura elleniche 2021: “Che cosa ci hanno lasciato i Greci”?

WhatsApp
Telegram

Emanuele Lelli Cristiano Luciani Associazione Italiana di Cultura Classica – Oltre cento licei e migliaia di ragazzi parteciperanno, da lunedì 8 a mercoledì 10 febbraio, alle Giornate mondiali della lingua e della cultura elleniche, promosse da un gruppo di licei classici e università di Roma e del Lazio, con il coordinamento dell’Associazione Italiana di Cultura Classica (Delegazione “Antico e Moderno”), e il patrocinio dell’Ambasciata Ellenica e della Federazione delle Comunità Elleniche in Italia.

Quest’anno la manifestazione, che si svolgerà sul web, avrà carattere nazionale, con l’intervento della Delegazione AICC di Siracusa e collegamenti da numerosissime regioni. Video, performance e ricerche dei liceali si alterneranno agli interventi di importanti studiosi, sul tema “Che cosa ci hanno lasciato i Greci?”:

tra gli altri Luciano CANFORA, Eva CANTARELLA, Marinella LINARDOS, Franco MONTANARI, Nuccio ORDINE, Anna PARISI, Silvia RONCHEY, Cinzia TANI, oltre ai grecisti di tutte le università laziali. Un respiro europeo assumerà il pomeriggio del 9 febbraio, quando interverranno sul tema “La Grecia alle radici dell’Europa” studiosi di primissimo piano: dalla Germania, Bernhard ZIMMERMANN; dall’Inghilterra, Richard HUNTER; dalla Francia, Claude CALAME; dalla Spagna, José Antonio FERNANRDEZ DELGADO; dalla Grecia, Euripidis GARANTUDIS. Ogni giorno ad arricchire la manifestazione contribuiranno le performance musicali dell’Associazione italo-greca HELLAS, guidata dal Maestro Theo MELISSINOPULOS. Lunedì 8 mattina saranno premiati i vincitori dell’edizione 2021 del concorso “Ve lo racconto io, il mito!”, riscrittura di un mito greco cui hanno partecipato centinaia di studenti, dalle scuole elementari al liceo: tra i miti più ‘riscritti’, quest’anno, Eracle che sconfigge il covid 19, e Pandora che riesce a tenere chiusi i virus nel suo vaso.

L’evento, che sarà possibile seguire in diretta sul canale youtube AICC – Antico e Moderno (https://www.youtube.com/channel/UC-2tFDpwaNmvoxkoxQjiNZQ), si propone di riaffermare l’importanza culturale che la civiltà greca antica gioca, ancora oggi, nell’Europa del terzo millennio, nonché la validità formativa e strategica dell’insegnamento della lingua e della cultura greca nei licei italiani.

PAROLE CHIAVE:
GRECO ANTICO – TRADUZIONE – MITO – EUROPA – COVID 19

Contatti:
Emanuele Lelli – Cristiano Luciani – [email protected]

programma

GIORNATA MONDIALE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ELLENICA 2021: CHE COSA CI HANNO LASCIATO I GRECI?
Lunedì 8 febbraio, ore 9-13
dall’Ambasciata Greca: Saluti dell’Ambasciatore Theodoros Passas
Marinella LINARDOS, MITO
Anna PARISI, SCIENZA
Cinzia TANI, ARCHETIPI
Premiazione del concorso: Ve lo racconto io, il mito!
da Tor Vergata: Ester CERBO, TEATRO
da Cassino: Michele NAPOLITANO, GRECISMI

martedì 9 febbraio, ore 9-13
da Roma Tre: Silvia RONCHEY ΟΙΚΟΣ
Emeri FARINETTI ΧΩΡΟΣ
Alexia LATINI e Adele Teresa COZZOLI ΣΚΗΝΗ
Caterina CARPINATO ΠΟΙΗΣΙΣ-AZIONE
a cura della Delegazione AICC “Antico e Moderno”: “Quello che i Greci ci hanno lasciato”
Luciano CANFORA, DEMOKRATIA
Eva CANTARELLA, NOMOS
Franco MONTANARI, OMERO
Nuccio ORDINE, CLASSICI
Ore 15-19
“La Grecia alle radici dell’Europa”:
da Parigi: Claude CALAME
da Salamanca: José A. FERNÁNDEZ DELGADO
da Cambridge: Richard L. HUNTER
da Freiburg: Bernhard ZIMMERMANN
da Atene: Evripidis GARANTUDIS
da Siracusa:
Gennaro Carillo SOCRATE
Stella Kalisperatou ΑΓΩΝΙΑ ΑΓΩΝ
Paolo Madella ΜΝΗΜΗ

Mercoledì 10 febbraio, ore 9-13
da Viterbo: Maddalena Vallozza, RETORICA
Dino De Santis, FILOSOFIA
dalla Sapienza di Roma:
Roberto Nicolai, QUELLO CHE I GRECI NON CI HANNO LASCIATO

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur