Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, Casa: la scuola faccia di più. L’educazione alla parità di genere deve andare oltre

WhatsApp
Telegram

“Il 25 novembre è il giorno di chi non c’è più, di chi ancora è oppressa, di chi ha finalmente detto no, di chi ha smesso di girarsi altrove, di chi la violenza l’ha percepita in qualunque modo. È il giorno di tutte ed è un giorno di troppo, umanamente impensabile ma ugualmente concreto”. Lo scrive su Facebook la presidente della Commissione Cultura alla Camera, Vittoria Casa. 

Ancora vent’anni fa – continua Casa -, “femminicidio” era una parola in cerca di vocabolario. Oggi è paradossalmente la misura di tutto, come se la brutalità verso il mondo femminile fosse solo contabilità delle vittime.

Chi è donna sa che non è così. Violenza – oltre alle centinaia di vite spezzate che si ripetono ogni anno – è molto più comunemente il perimetro senza limiti di una parola detta o non detta, di un’allusione, di un “no” inammissibile, di un’opinione mai chiesta né ammessa, di un grazie mai proferito.

Senza educazione emotiva non ne usciremo mai. Solo quando sensibilità, sopportazione e sacrifici cesseranno di essere qualità dovute da una parte e pretese dall’altra, quando il senso della vita al femminile smetterà di passare per la vicinanza a un uomo, quando imporsi con la forza all’altro sesso diventerà un tabù, potremo rimuovere la violenza dal destino di ogni bambina e di ogni bambino.

Da anni mi sforzo perché la scuola faccia di più. C’è un’educazione alla parità di genere che ormai è data per scontata ma che deve andare oltre. Oggi in commissione Cultura discuteremo, ad esempio, di competenze non cognitive, ovvero di capacità come l’apertura mentale, la disposizione a collaborare, la coscienziosità, la resilienza, la sicurezza di sé. La battaglia per un mondo nuovo passa anche da lì. E io la vorrei sempre, per ogni ciclo scolastico, fino alla fine.
Fino a quando il 25 novembre non sarà che un ricordo“, conclude.

Ministero e scuole di tutta Italia insieme per dire “no” alla violenza contro le donne

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito