Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Giornata Internazionale della Donna 2022: Storia, marce, festeggiamenti, come insegnarla

WhatsApp
Telegram

Ma a cosa serve questa giornata? Quand’è? È una festa o una protesta? Esiste una Giornata internazionale dell’uomo equivalente? E quali eventi si svolgeranno quest’anno? Da oltre un secolo persone in tutto il mondo celebrano l’8 marzo come un giorno speciale per le donne.

Com’è nata la “Giornata internazionale della donna”?

È stata Clara Zetkin a fondare la “Giornata internazionale della donna” nel 1910. La “Giornata internazionale della donna”, nota anche come IWD in breve, è nata dal movimento operaio per diventare un evento annuale riconosciuto dalle Nazioni Unite. I semi furono piantati nel 1908, quando 15.000 donne marciarono per New York chiedendo orari di lavoro più brevi, una paga migliore e il diritto di voto. Un anno dopo, il Partito Socialista d’America dichiarò la prima Giornata Nazionale della Donna. È stata Clara Zetkin, attivista comunista e sostenitrice dei diritti delle donne, a suggerire la creazione di una giornata internazionale. Nel 1910 presentò la sua idea a una Conferenza internazionale delle donne lavoratrici a Copenaghen – e le 100 donne presenti, provenienti da 17 paesi, accettarono all’unanimità.

La prima volta in cui fu celebrata la “Giornata”

La “Giornata internazionale della donna” è stata celebrata per la prima volta nel 1911, in Austria, Danimarca, Germania e Svizzera. Il centenario è stato celebrato nel 2011, quindi quest’anno tecnicamente celebriamo il 111°. Le cose furono ufficializzate nel 1975 quando le Nazioni Unite iniziarono a celebrare la giornata. Il primo tema adottato (nel 1996) è stato “Celebrare il passato, pianificare il futuro”. La Giornata internazionale della donna è diventata una data per celebrare i progressi delle donne nella società, nella politica e nell’economia, mentre le radici politiche della giornata significano che scioperi e proteste vengono organizzati per aumentare la consapevolezza della continua disuguaglianza.

Perché l’8 marzo?

L’idea di Clara per la Giornata internazionale della donna non aveva una data fissa. Non fu ufficializzato fino a uno sciopero in tempo di guerra nel 1917, quando le donne russe chiesero “pane e pace”; quattro giorni dopo lo sciopero lo zar fu costretto ad abdicare e il governo provvisorio concesse alle donne il diritto di voto. Lo sciopero è iniziato l’8 marzo e questa è diventata la data in cui si celebra la Giornata internazionale della donna.

Perché le persone indossano il colore viola?

Viola, verde e bianco sono i colori di IWD, secondo il sito web della Giornata internazionale della donna. “Il viola significa giustizia e dignità. Il verde simboleggia la speranza. Il bianco rappresenta la purezza, anche se un concetto controverso. I colori hanno avuto origine dalla Women’s Social and Political Union (WSPU) nel Regno Unito nel 1908”, affermano.

C’è una Giornata internazionale dell’uomo?

C’è infatti, il 19 novembre. Ma è stato contrassegnato solo dagli anni ’90 e non è riconosciuto dall’ONU. La gente lo celebra in più di 80 paesi in tutto il mondo, incluso il Regno Unito. La giornata celebra “il valore positivo che gli uomini apportano al mondo, alle loro famiglie e alle comunità”, secondo gli organizzatori, e mira a evidenziare modelli di ruolo positivi, aumentare la consapevolezza del benessere degli uomini e migliorare le relazioni di genere.

Come si celebra la Festa della Donna e quest’anno ci saranno eventi virtuali?

La Giornata internazionale della donna è una festa nazionale in molti paesi, inclusa la Russia, dove le vendite di fiori raddoppiano durante i tre o quattro giorni intorno all’8 marzo. In Cina, l’8 marzo a molte donne viene concessa mezza giornata di lavoro, come consigliato dal Consiglio di Stato. In Italia, la Giornata internazionale della donna, o la Festa della Donna, viene celebrata con la donazione dei fiori di mimosa. L’origine di questa tradizione non è chiara, ma si ritiene che sia iniziata a Roma dopo la Seconda guerra mondiale. Negli Stati Uniti, il mese di marzo è il mese della storia delle donne. Un proclama presidenziale emesso ogni anno onora i successi delle donne americane. Quest’anno le celebrazioni continueranno ad avere un aspetto leggermente diverso a causa del coronavirus e si prevede che si svolgeranno eventi virtuali in tutto il mondo, incluso questo organizzato dalle Nazioni Unite .

Qual è il tema IWD 2022?

Le Nazioni Unite hanno annunciato il loro tema per il 2022 come “Uguaglianza di genere oggi per un domani sostenibile”. I loro eventi riconosceranno come le donne di tutto il mondo stanno rispondendo al cambiamento climatico. Ma ci sono anche altri temi in giro. Il sito web della Giornata internazionale della donna – che afferma di essere progettato per “fornire una piattaforma per aiutare a forgiare un cambiamento positivo per le donne” – ha scelto il tema #BreakTheBias e chiede alle persone di immaginare “un mondo libero da pregiudizi, stereotipi e discriminazioni”.

Perché ne abbiamo bisogno?

Nell’ultimo anno abbiamo assistito a un significativo passo indietro nella lotta globale per i diritti delle donne. La rinascita dei talebani ad agosto ha cambiato la vita di milioni di donne afghane: alle ragazze è stato vietato di ricevere l’istruzione secondaria, il ministero per gli affari delle donne nel paese è stato sciolto e molte donne sono state invitate a non tornare al lavoro. Nel Regno Unito, l’omicidio di Sarah Everard da parte di un agente di polizia in servizio ha riacceso il dibattito sulla sicurezza delle donne. La pandemia di coronavirus continua ad avere ripercussioni anche sui diritti delle donne. Secondo il Global Gender Gap Report 2021 del World Economic Forum, il tempo necessario per colmare il divario di genere globale è aumentato di una generazione, da 99,5 a 135,6 anni.

Le donne scendono in piazza per festeggiare e protestare

Uno studio del 2021 condotto da UN Women basato su 13 paesi ha mostrato che quasi una donna su due (45%) ha riferito di aver subito una forma di violenza durante la pandemia di Covid-19, o una donna che conosce. Ciò include l’abuso non fisico, con l’abuso verbale e la negazione delle risorse di base che sono i più comunemente segnalati. Nonostante le preoccupazioni per il coronavirus, le marce si sono svolte in tutto il mondo per l’IWD 2021. Negli ultimi anni, tuttavia, ci sono stati progressi, soprattutto nella leadership femminile. Kamala Harris è diventata la prima donna, la prima nera e la prima vicepresidente degli Stati Uniti asiatico-americana nel 2021. Nello stesso anno, la Tanzania ha giurato per la sua prima presidente donna, Samia Suluhu Hassan, mentre Estonia, Svezia, Samoa e Tunisia hanno ottenuto per la prima volta nella storia le donne primo ministro. Nel gennaio 2022, Xiomara Castro ha prestato giuramento come prima presidente donna dell’Honduras. Nel 2021, la Nuova Zelanda ha approvato un congedo di lutto retribuito per le donne (e i loro partner) che hanno avuto un aborto spontaneo o un parto morto. Mentre nel 2020, il Sudan ha criminalizzato le mutilazioni genitali femminili. Nel gennaio 2022, un docente universitario in Marocco è stato condannato a due anni di carcere per comportamento indecente, molestie sessuali e violenza dopo che gli studenti universitari hanno rotto il silenzio sulle richieste che aveva avanzato di favori sessuali in cambio di buoni voti: una serie di tali scandali hanno offuscato la reputazione delle università marocchine negli ultimi anni. L’ultimo anno ha visto sviluppi in materia di aborto in diversi paesi. Nel febbraio 2022, la Colombia ha depenalizzato gli aborti entro le prime 24 settimane di gravidanza. Negli Stati Uniti, nel frattempo, i diritti di aborto sono stati limitati in alcuni stati, con il Texas che vieta le procedure già a sei settimane dall’inizio della gravidanza.

Insegnare la parità di genere ed il ruolo fondamentale della donna

Di particolare pregio l’UDA multidisciplinare realizzata dai docenti brillante dell’I.C. Giovanni XXIII di Sava (TA), diretto, in questo anno scolastico, dal dirigente scolastico Dott.ssa Anna Cosima Damiana Calabrese. I docenti di questo pregevole istituto comprensivo già da anni che lavorano, con proposte didattico-educative di valore, al tema della parità di genere. L’Uda che vi proponiamo “UDA multidisciplinare: Identità di genere, pari opportunità” è una vera novità strutturale dal momento che prevede un’articolazione per classe e per segmento. Come si legge nella premessa della brillante UdA “Il Collegio dei Docenti, su proposta del Dirigente Scolastico, ha approvato all’unanimità la scelta di ampliare le scelte educativo-didattiche del curricolo scolastico, basandosi non solo sui bisogni formativi degli alunni e della comunità locale, ma allargando lo sguardo anche su aspetti macrosociologici caratteristici della società attuale, per costruire percorsi educativi che possano condurre gli alunni a conoscere la realtà contemporanea nei suoi aspetti più problematici. La globalizzazione, infatti, produce rapidi cambiamenti che influiscono in modo rilevante sulla vita delle persone; compito della scuola, quindi, non è solo quello di istruire, ma quello di formare ed educare, ponendo un’attenzione particolare alla costruzione del “Nuovo Cittadino del Mondo”, capace di interagire responsabilmente, in modo attivo e consapevole, nella comunità di cui fa parte. Le tematiche sulle quali è stata focalizzata l’attenzione e l’azione di ricerca da parte dei docenti, coordinati dal Dirigente Scolastico” è, tra le altre, la seguente: “Identità di genere, pari opportunità”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia