Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Giornata della Memoria 2021, portare in classe il ricordo della Shoah: speciale idee didattiche

Stampa

“Per un attimo vidi una pistola a terra, pensai di raccoglierla. Ma non lo feci. Capii che io non ero come il mio assassino. Da allora sono diventata donna libera e di pace”.

Sono le parole della Senatrice a vita Liliana Segre che, a 90 anni, lo scorso ottobre nella sua ultima testimonianza pubblica alla cittadella della pace di Rondine, ha ricordato gli orrori dell’Olocausto.

Come ogni anno, anche in questo caratterizzato dalla pandemia sono tante le iniziative per il Giorno della Memoria, mercoledì 27 gennaio. Molte le celebrazioni a distanza, perché il ricordo non si ferma nemmeno con il Covid. In modalità telematica anche la premiazione del Concorso rivolto agli studenti I Giovani ricordano la Shoah, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il ministero dell’Istruzione, invitando gli istituti scolastici ad aderire alle celebrazioni del 27 gennaio, ricorda che la scuola “è l’ambiente in cui si formano la coscienza e la sfera valoriale di ogni individuo, attraverso il confronto con la ricchezza delle diversità culturali. La Scuola ha gli strumenti per porsi a contrasto di questi fenomeni e per trasmettere l’importanza di opporsi ad ogni discriminazione sia essa religiosa, etnica o razziale”.

E per ricordare la Shoah in classe, il portale Scuola e Memoria mette a disposizione diverse risorse didattiche. Nell’area didattica alcune idee per trattare il tema con gli alunni: come insegnare la Shoah, storia della didattica della Shoah, consigli e materiali.

Scuola e Memoria, risorse didattiche per la Giornata della Memoria

La storia di Anna Frank per i più piccoli

In un video la storia di Anna Frank, la giovane ebrea tedesca celebre per il suo diario e la grande testimonianza, per gli studenti più piccoli.

Il lavoro dei liceali di Sondrio

Il video – spiega una nota del Liceo Scientifico “Carlo Donegani”  di Sondrio – è stato realizzato dagli studenti della classe 5BLS per il Giorno della Memoria e nasce da un percorso di ricerca sugli Ebrei presenti in Valtellina nel periodo della persecuzione razziale. La ricerca ha condotto all’incontro con Bianca Maria Morpurgo e Sofia Kaufmann, dottoresse presso l’Alpina di Prasomaso, che hanno subito la deportazione con i loro familiari.

E’ stato motivo d’inciampo: una spinta a riflettere e a non dimenticare, una sollecitazione a assumersi la responsabilità di restituire un nome, una dignità, un’esistenza alle vittime della persecuzione e dello sterminio. La ridondanza con cui nel video vengono richiamati i nomi, alcune date e alcune informazioni rappresenta una scelta consapevole.
Gli studenti hanno ripreso, approfondito e rielaborato documenti d’archivio e testimonianze; hanno steso i testi, scelto esperienze e passi significativi da valorizzare, registrato i video: tutte le attività sono state realizzate in didattica a distanza, fatto che ha inevitabilmente ridotto e condizionato occasioni e modalità di confronto, sia fra loro, sia con i docenti che hanno coordinato il progetto.

Io mi ricordo di te

L’Università di Milano-Bicocca in occasione della Giornata della Memoria organizza, all’interno del ciclo di incontri “Dialoghi civili”, l’evento “Io mi ricordo di te. Raccontare per educare alla cittadinanza”. L’evento potrà essere seguito in streaming dalle ore 10. Il sito dell’Università sarà la piazza virtuale dove verranno pubblicati video, fumetti, disegni, racconti e poesie: artisti, studenti, docenti e cittadini daranno voce e volto ai testimoni dell’orrore della Shoah interpretando nella forma espressiva preferita una delle storie dell’Olocausto.

Vedi anche

Come avvicinarsi all’insegnamento della Shoah: allegato un memorandum sull’Olocausto

Olocausto, questioni metodologiche: in allegato le linee guida per l’insegnamento

Scuola e shoah: materiali per la classe e modello circolare

Stampa

1,60 punti per il personale ATA a soli 150€, con CFI!