Giornata della memoria 2018: “Gli invisibili”, un film per ricordare la Shoah e per riflettere sull’orrore della guerra, sul valore della diversità e importanza del rispetto

Stampa

Dal 1941 fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale, 7.000 europei di religione ebraica, per di più giovani, tentarono di sfuggire alla deportazione nei cambi di sterminio nascondendosi o cambiando identità. Di loro solo 1.500 riuscirono a salvarsi. Gli invisibili racconta la loro storia, in modo particolare quella di due ragazzi e due ragazze che a Berlino, nella capitale del Terzo Reich riuscirono incredibilmente a continuare a vivere.

GLI INVISIBILI è un racconto coinvolgente, un ponte tra passato e presente che offre ad insegnanti e studenti la possibilità non solo di scoprire una storia poco nota, ricordando una pagina terribile della storia del Novecento, ma anche di fermarsi a riflettere sull’oggi interrogandosi sul significato che hanno parole come accoglienza, discriminazione, razzismo, rispetto, minoranza, diversità.

Sarà possibile organizzare proiezioni mattutine a prezzo ridotto per studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado a partire dal 25 gennaio, scrivendo all’indirizzo mail [email protected] e indicando il nome del cinema più vicino al vostro istituto e il numero degli studenti potenzialmente coinvolto.

Di seguito, in esclusiva per Orizzonte Scuola, una clip dal film. Tutti gli altri materiali, compresi gli spunti didattici, sono scaricabili gratuitamente dal sito www.ilgiornodellamemoria.it

Sinossi del film

Berlino, 1943. Il regime nazista ha ufficialmente dichiarato la capitale del Reich “libera dagli ebrei”. Tuttavia alcuni di loro sono riusciti in un’impresa apparentemente impossibile: sono diventati ‘invisibili’ agli occhi delle autorità. Tra questi Cioma, Hanni, Eugen e Ruth, quattro giovani coraggiosi troppo attaccati alla vita per lasciarsi andare ad un triste destino.

Questo film racconta la loro incredibile e commovente storia vera, rivelando un capitolo poco conosciuto della resistenza degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.

Stampa