Giornata del cinema, Gallo (M5S): cultura al centro politiche Paese

di redazione

item-thumbnail

“La settima arte deve riacquistare centralità nel panorama della cultura italiana. Siamo orgogliosi di aver presentato alla Camera dei Deputati la nascita della Giornata Mondiale del Cinema Italiano che si celebrerà ogni anno nel mese di maggio, nel corso della settimana del cinema degli istituti di cultura.

Grazie all’approvazione all’unanimità delle Commissioni riunite Affari Esteri e Cultura della risoluzione proposta dal collega del MoVimento 5 Stelle Nicola Acunzo, Presidente dell’Intergruppo parlamentare Cinema e Arti dello Spettacolo, gli istituti italiani di cultura saranno impegnati in questo nuovo, importante appuntamento annuale dedicato al cinema.

In questa occasione importante per il cinema italiano, io registro che parte della storia del Paese non è raccontata più come una volta. Abbiamo 1 milione e 200mila bambini poveri di cui non si parla. Abbiamo da una parte poveri e bambini poveri che non sono raccontati e dall’altra tutta una parte della società che non accede alla cultura per vedere narrazioni, racconti e immagini. Questo è un tema che va rilanciato per raccontare una storia del nostro Paese attuale.

Vogliamo quindi dare spazio a nuovi autori, seguendo e celebrando esempi virtuosi di grandi maestri del cinema, come Fellini. Raccontare la creatività e supportare i giovani talenti significa anche dare al nostro paese nuove possibilità di narrazione che possano descrivere le realtà denunciate, proiettandosi verso il futuro con senso critico e maggiori possibilità per le nuove generazioni.
Il Parlamento può e sta giocando un ruolo importante per riportare al centro dell’agenda di governo la cultura”, così Luigi Gallo, Presidente della commissione Cultura, Scienza e Istruzione a margine della conferenza stampa alla Camera dei Deputati della presentazione della Giornata mondiale del Cinema italiano.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione