Giornata Aids. Aumenta mortalità tra gli adolescenti. Informati sì, ma la scuola fa poco

di redazione
ipsef

Oggi è la giornata mondiale contro l’Aids ed è giorno di bilanci. Purtroppo non tutti positivo. Mentre in Italia la mortalità è in diminuzione, nel mondo aumenta del 50% soprattutto tra gli adolescenti. E la scuola?

Oggi è la giornata mondiale contro l’Aids ed è giorno di bilanci. Purtroppo non tutti positivo. Mentre in Italia la mortalità è in diminuzione, nel mondo aumenta del 50% soprattutto tra gli adolescenti. E la scuola?

La scuola, a quanto pare, almeno in Italia fa poco. A rivelarlo uno studio condotto da Skuola.net e Durez, secondo il quale 8 giovani su 10 conoscono bene l’AIDS e sanno che si può essere contagiati attraverso rapporti sessuali non protetti. Si abbassa leggermente la percentuale di bene informati se si parla di modalità di contagio attraverso il sangue: a conoscerle bene è circa il 70% dei ragazzi. Degli studenti intervistati, circa il 42% ha affermato di non essere stato preparato da corsi messi a disposizione dalla scuola.

Una lacuna che farà sicuramente discutere, soprattutto a paragone del dato diffuso in questi giorni che vuole un aumento delle morti legate all’Aids tra gli adolescenti aumentate del 50% tra il 2005 e il 2012, passando da 71mila a 110mila casi.

Versione stampabile
anief
soloformazione