Giornalismo: un concorso per orientare gli studenti italiani di ogni ordine e grado al lavoro di scrittura

di redazione

item-thumbnail

Orientare i giovani verso il mondo del lavoro richiede un’attenta valutazione dei tanti segmenti e ambiti di attività che compongono l’ampio panorama delle professioni. Le competenze e le conoscenze acquisite “tra i banchi di scuola”, oltre a riflettere interessi e inclinazioni personali, rappresentano i tasselli importanti di un percorso che può avvicinare – in tempi più o meno rapidi a seconda della fase di studio in cui ci si trova – studenti e studentesse all’esplorazione di mondi professionali “tradizionali” e “moderni”, dove provare ad esprimere attitudini, passioni e competenze. Prendiamo il caso della scrittura.

Il “saper scrivere” è infatti oggi una competenza molto spendile sul mercato del lavoro, una skill che caratterizza numerosi profili professionali, in sensibile ascesa in questi ultimi anni, che popolano il mondo dell’editoria, del giornalismo e non solo. Parliamo di profili professionali diversi, come:

  • giornalista
  • scrittore
  • blogger
  • content specialist

Figure professionali che scrivono su argomenti diversi, variando nel genere e nello stile di scrittura, oltre che negli obiettivi e nel pubblico di riferimento; ma che fanno della scrittura la competenza principale su cui costruire il percorso professionale. Ecco, provare a valorizzare e irrobustire questa competenza, mettere un ulteriore accento sulle doti creative che gli studenti possono esprimere attraverso la scrittura, è un tema molto interessante, perché l’onda lunga dell’innovazione tecnologica e digitale ha prodotto, solo per fare un esempio, piattaforme web che necessitano continuamente di professionisti in grado di “produrre” contenuti per “riempire” gli spazi proposti dalle nuove architetture informatiche. Contenuti vari di taglio: informativo, divulgativo, cronachistico, narrativo, tecnico etc.

Per gli Istituti scolastici, l’opportunità di partecipare a occasioni di confronto extra-curriculare per consentire ai giovani alunni di esprimere attraverso la scrittura le proprie doti creative può avere in tal senso una forte valenza orientativa. Ecco allora che un concorso per aspiranti giornalisti può diventare un’interessante occasione per esplorare il mondo dell’editoria e le sue possibilità. Stiamo parlando dell’edizione 2019 di Penne sconosciute, un’iniziativa rivolta a studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di I e II grado (e non solo) che vogliano mettersi alla prova redigendo un giornale. II concorso, organizzato dall’Associazione Culturale OSA in collaborazione con il Comune di Piancastagnaio (Siena), la rivista Okay e la Pro Loco di Piancastagnaio, chiamerà i giovani a organizzarsi in gruppi di lavoro per redigere un giornale che sarà poi inviato e valutato da una giuria di esperti. Insomma, un modo per mettersi alla prova in un campo professionale dai diversi sbocchi. Per partecipare al concorso c’è tempo fino al 30 giugno 2019 (qui sono disponibili maggiori dettagli e il bando completo).

Un’occasione da non perdere per offrire ai giovani studenti e studentesse un utile momento orientativo, oltre che un momento di sicuro divertimento.

Versione stampabile
Argomenti: