Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“Giochiamo con le mani”, come insegnare la lingua dei segni agli studenti dell’Infanzia

Stampa

Al fine di elevare il valore delle lingue dei segni e riconoscerne l’importanza, il 23 settembre si celebra la “Giornata internazionale delle lingue dei segni”. La giornata è organizzata dalle Nazioni Unite per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla lingua dei segni per affrontare i problemi delle persone sorde nella loro vita quotidiana.

La Giornata internazionale delle lingue dei segni è stata celebrata per la prima volta nel 2018 come parte della Settimana internazionale dei sordi. La giornata è un’opportunità unica per molti di sostenere e proteggere la propria identità linguistica e abbracciare la diversità delle persone sorde e di altri utenti della lingua dei segni.

Giornata internazionale delle lingue dei segni: storia

La data del 23 settembre è stata scelta per celebrare l’inizio di un’organizzazione di advocacy il cui scopo principale è preservare le lingue dei segni e la cultura dei sordi come prerequisiti per la realizzazione dei diritti umani delle persone sorde. Nel 2018, nell’ambito della Settimana internazionale dei sordi, è stata celebrata, per la prima volta nella storia e nel mondo, dunque, la Giornata internazionale delle lingue dei segni. L’inaugurazione della Settimana internazionale dei sordi si è tenuta nel settembre del 1958 e da allora è diventata un movimento globale di unità dei sordi e di attività di lobbying concentrate per aumentare la consapevolezza delle sfide che le persone sorde affrontano nella loro vita quotidiana.

Le lingue dei segni sono lingue naturali a tutti gli effetti

Le lingue dei segni sono lingue naturali a tutti gli effetti, strutturalmente distinte dalle lingue parlate. La Giornata internazionale della lingua dei segni promuove la convenzione che sostiene l’uso delle lingue dei segni. La giornata è proclamata dall’assemblea generale delle Nazioni Unite per sensibilizzare sull’importanza della lingua dei segni per i diritti umani delle persone sorde.

La giornata mira a riconoscere l’accesso precoce alla lingua dei segni e ai servizi in lingua dei segni, compresa l’istruzione di qualità disponibile nella lingua dei segni per la crescita e lo sviluppo delle persone sorde. Riconosce l’importanza di preservare le lingue dei segni come parte della diversità linguistica e culturale.

Giornata Internazionale della Lingua dei Segni 2021: Tema

Il tema della giornata 2021, come dichiarato dalla Federazione mondiale dei sordi, è “Noi firmiamo per i diritti umani”, per evidenziare come ognuno di noi – persone non udenti e non udenti in tutto il mondo – possa lavorare insieme mano nella mano per promuovere il riconoscimento del nostro diritto di usare la lingua dei segni in tutti gli ambiti della vita.

Frasi sulla Giornata Internazionale delle Lingue dei Segni

Ecco alcune citazioni della Giornata internazionale delle lingue dei segni da condividere:

  • “La lingua dei segni è uguale alla parola, si presta ugualmente al rigoroso e al poetico, all’analisi filosofica o al fare l’amore.” – Oliver Sacchi.
  • “Se vuoi raggiungere le masse di persone in questo mondo, devi farlo con la lingua dei segni. Che il tuo veicolo sia il commercio, la letteratura o la politica, non puoi fare altro che lanciare segnali e fare mozioni alla gente”. -John Jay Chapman.
  • “Vengo da un posto dove non hai bisogno di parlare tutto il tempo. Ci sono lingue dei segni che impari”. – Warwick Thornton.
  • “La lingua dei segni è il dono più nobile che Dio abbia fatto alle persone sorde”. – George Veditz
  • “Gli occhi umani sono il linguaggio dei segni del cervello. Se li guardi attentamente, puoi vedere la verità giocata, cruda e indifesa”. – Tarryn Fisher

Alcuni tipi di lingua dei segni nel mondo

Non si conosce bene quale sia il luogo o l’area del mondo in cui sia nata la prima lingua dei segni. L’unica cosa certa è che esse esistono da quando è sorta la prima comunicazione tra gli uomini.

Esistono testimonianze di lingue segnate già nelle antiche civiltà in Cina, India, Mesopotamia, Egitto, Maya.

Uno dei malintesi più comuni sul linguaggio dei segni è che sia lo stesso ovunque tu vada. Non è proprio così. In effetti, ci sono sparse per il mondo un numero che varia da 138 e 300 diversi tipi di lingua dei segni usati in tutto il mondo oggi.

Nuove lingue dei segni nascono frequentemente tra gruppi di bambini e adulti sordi.

Con questo premesse, diamo un’occhiata ad alcuni esempi di lingue dei segni diffusi in tutto il mondo.

Lingua dei segni britannica (BSL), Auslan e lingua dei segni neozelandese

Circa 150.000 persone nel Regno Unito usano la lingua dei segni britannica. Il BSL si è evoluto nelle scuole per sordi di Thomas Braidwood tra la fine del 1700 e l’inizio del 1800. Da lì si è diffuso in Australia e Nuova Zelanda. L’Auslan (lingua dei segni australiana) e la lingua dei segni della Nuova Zelanda e sono abbastanza simili. Usano la stessa grammatica, lo stesso alfabeto manuale e gran parte dello stesso vocabolario.

In effetti, alcuni esperti di lingua dei segni considerano BSL, Auslan e New Zealand Sign Language come dialetti della stessa lingua dei segni, chiamata lingua dei segni britannica, australiana e neozelandese o BANZSL in breve. Detto questo, nonostante l’alto grado di sovrapposizione, ci sono anche differenze tra i diversi rami della famiglia BANZSL. Ad esempio, la lingua dei segni della Nuova Zelanda include segni per le parole Māori. Include anche i segni dell’Australasian Sign Language, un tipo di inglese firmato utilizzato dalle scuole neozelandesi per i non udenti negli anni ’80.

Auslan include anche alcuni segni derivati ​​dalla lingua dei segni irlandese. Gli australiani indigeni sordi possono usare l’Auslan o una delle lingue dei segni australiane native che non sono correlate all’Auslan. Il dialetto del Far North Queensland di Auslan incorpora anche le caratteristiche di queste lingue dei segni indigene.

Lingua dei segni francese

La lingua dei segni francese (LSF) è la lingua madre di circa 100.000 firmatari nativi in ​​Francia. È anche una delle prime lingue dei segni europee ad essere accettata dagli educatori e ha influenzato altre lingue dei segni come ASL, ISL, Russian Sign Language (RSL) e altro ancora.

A Charles Michel de l’Épée viene talvolta attribuito il merito di aver inventato l’LSF. In realtà, tutto ciò che ha fatto è stato prendere la ricca lingua dei segni già utilizzata dalla comunità sorda parigina, aggiungere un mucchio di regole per renderla incredibilmente complicata e quindi istituire una scuola gratuita per i sordi per insegnare la sua versione della lingua.

Ma anche se non riusciva a resistere alla tentazione, era disposto ad accettare la lingua dei segni come una lingua completa per i suoi meriti. E poiché fondò una scuola dove gli studenti sordi potevano riunirsi e venivano incoraggiati a usare la lingua dei segni per comunicare, la lingua dei segni francese fiorì fino a quando l'”oralismo” divenne di gran moda alla fine del XIX secolo.

Gli studenti sono stati scoraggiati dal firmare nelle scuole dalla fine del 1800 fino alla fine degli anni ’70. Tuttavia, la comunità dei non udenti ha continuato a utilizzare la lingua dei segni francese per comunicare tra loro e nel 1991 è stata nuovamente incorporata nell’istruzione.

Lingua dei segni americana (ASL)

Si dice spesso che americani e britannici siano “divisi da una lingua comune”. Ma le comunità sorde nei due paesi non hanno nemmeno una lingua comune. BSL e American Sign Language non sono nemmeno nella stessa famiglia linguistica.

250.000-500.000 persone negli Stati Uniti rivendicano l’ASL come lingua madre. Viene utilizzato anche in Canada, Africa occidentale e sud-est asiatico. L’ASL si basa sulla lingua dei segni francese, ma è stata anche influenzata dalla lingua dei segni di Martha’s Vineyard e da altre lingue dei segni locali. Come la lingua dei segni francese, l’ASL utilizza un alfabeto fingerpelling con una sola mano.

Lingua dei segni nel mondo: lingua dei segni irlandese (ISL)

Oggi, la maggior parte delle persone in Irlanda parla inglese. Ma le persone sorde in Irlanda parlano la lingua dei segni irlandese (ISL), che deriva dalla lingua dei segni francese. Sebbene ISL sia stato in qualche modo influenzato da BSL, rimane abbastanza distinto. A partire dal 2014, circa 5.000 persone sorde, principalmente nella Repubblica d’Irlanda ma anche nell’Irlanda del Nord, usano la lingua dei segni irlandese per comunicare.

Una nota interessante sull’ISL: molti studenti sordi irlandesi sono stati educati in scuole cattoliche che separavano gli studenti per genere. Quindi, per un po’, uomini e donne avevano ciascuno i propri dialetti dell’ISL. Tuttavia, queste differenze sono diminuite nel tempo.

Lingua dei segni cinese (CSL o ZGS)

Ovunque da 1 a 20 milioni di persone sorde in Cina usano la lingua dei segni cinese per comunicare. Tuttavia, è difficile determinare quante persone lo usino effettivamente perché il sistema educativo cinese ha scoraggiato e stigmatizzato il suo uso per la maggior parte degli ultimi cinquant’anni. La maggior parte dei bambini sordi cinesi viene curata in “centri di riabilitazione dell’udito”, che favoriscono un rigoroso approccio orale. Detto questo, negli ultimi anni sono state aperte più scuole cinesi per non udenti e la lingua dei segni cinese sta lentamente guadagnando accettazione.

La prima scuola cinese per sordi è stata fondata da missionari americani. Tuttavia, la lingua dei segni cinese non è correlata all’ASL. Molti segni incorporano aspetti della lingua e della cultura cinese .

Per esempio:

“Non esiste una parola generica per fratello in CSL, solo due segni distinti, uno per “fratello maggiore” e uno per “fratello minore”. Questo è parallelo al cinese , che specifica anche “fratello maggiore” o “fratello minore” piuttosto che semplicemente “fratello”. Allo stesso modo, il segno per “mangiare” incorpora una rappresentazione pittorica per le bacchette invece di usare la mano come in ASL.

Lingua dei segni brasiliana (Bilancia)

Circa 3 milioni di firmatari in Brasile usano la lingua dei segni brasiliana, a cui è stato conferito lo status ufficiale dal governo brasiliano nel 2002. La lingua dei segni brasiliana può essere correlata alla lingua dei segni francese o alla lingua dei segni portoghese. Tuttavia, è così distinto che i linguisti lo classificano come un isolato linguistico.

Lingua dei segni indo-pakistana

La lingua dei segni indo-pakistana è la lingua dei segni nativa dell’Asia meridionale. Tuttavia, manca il riconoscimento e il supporto ufficiali. Sebbene non sia insegnato nelle scuole pubbliche, alcune ONG lo usano per insegnare sia corsi accademici che professionali. Sfortunatamente, la carenza di interpreti per la lingua dei segni indo-pakistana è terribile. In India ci sono solo circa 250 interpreti di lingua dei segni certificati e tra 1,8 milioni e sette persone non udenti o con problemi di udito.

La Lingua dei segni italiana (LIS)

LIS è una forma abbreviata di Lingua dei segni italiana. Non si tratta come immaginano molti, che non la conoscono affatto, una mimica o un semplice alfabeto manuale da supporto all’espressione della lingua parlata, ma si tratta di una vera e propria lingua con proprie regole sintattiche, morfologiche, grammaticali e naturalmente lessicali.

Ha una sua struttura che adopera sia componenti manuali che non-manuali, quali la postura o, per esempio, molto importante l’espressione facciale. Ha dispositivi di dinamica evolutiva e di variazione nello spazio (per esempio i tanto diffusi “dialetti”), e raffigura un rilevante strumento di trasmissione culturale. È una vera e propria lingua che, come più volte detto, anche per le altre realtà linguistiche nazionali, viaggia sul canale visivo-gestuale, integro nelle persone sorde, e ciò permette loro pari utilità di accesso alla comunicazione.

Laboratorio “Giochiamo con le mani”

Il laboratorio di LIS, lingua dei segni italiana, è un laboratorio che si svolge ormai da anni all’interno dell’Istituto dei sordi di Torino, Fondazione Onlus, Scuola dell’infanzia “Padre Antonio Loreti” di Pianezza (TO) – che da sempre accoglie bambini sordi e che vuole fare della diversità una forma di ricchezza. Il laboratorio si svolge una volta la settimana in piccoli gruppi, i bambini sono divisi per fasce di età. Durante il laboratorio vengono proposti dei brevi filmati tradotti i LIS e dei giochi da fare tutti insieme dove si chiede ai bambini di guardare delle immagini e riprodurre il segno.

L’Istituto dei sordi di Torino, Fondazione Onlus, Scuola dell’infanzia “Padre Antonio Loreti” di Pianezza (TO) è una vera eccellenza e rarità che brilla nel panorama dell’istruzione italiana e non solo. L’Istituto dei Sordi di Torino è una Fondazione senza scopo di lucro che opera dal 1814 a favore della formazione e dell’inclusione sociale delle persone sorde.

L’Istituto dei Sordi di Torino è un ente voluto dai Savoia all’inizio dell’800 per dare assistenza ed istruzione ai bambini sordi e per formare i loro maestri. Il primo direttore fu il sacerdote Francesco Bracco, che fece sua anche l’esperienza precedente di Giovanni Battista Scagliotti. L’istituto ebbe sin da subito il doppio mandato di istruire i bambini sordi e di formare i loro maestri.

La sede originaria dell’Istituto era in Torino, in via Assarotti, nell’edificio che venne appositamente costruito grazie al lascito della contessa Ottavia Borghese Masino di Mombello e in cui insegnò anche Paolo Basso, che, sordo, arrivò alla vicedirezione dell’Istituto a metà dell’800. Nel 1965 l’edificio venne venduto al Comune di Torino e con il ricavato venne costruita la nuova e più ampia sede in Pianezza, tuttora operativa.

La programmazione annuale dell’istituto è un vero ricamo pedagogico-metodologico-didattico, esempio tangibile di una scuola che pensa seriamente all’inclusione.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur