Gilda Bari: no al rientro a scuola il 7 gennaio, rischio boom contagi

Stampa

“Riteniamo che nulla è stato fatto per garantire condizioni di sicurezza per il rientro a scuola”, afferma il coord. prov.le Gilda degli Insegnanti di Bari – Federazione Gilda Unams Bari, Vito Carlo Castellana

Ed elenca le criticità: “Non siamo a conoscenza di un piano dei trasporti adeguato, gli organici sono rimasti invariati e le classi sono quelle affollate di sempre. Tra le nostre proposte c’era quella di uno screening di massa della popolazione scolastica, del quale, salvo rarissimi casi in alcuni comuni, non c’è stata traccia”.

“Dopo 15 giorni di sospensione, durante i quali, nonostante le zone rosse, sappiamo benissimo ci siano stati innumerevoli contatti, temiamo che altissima sia la possibilità di un boom dei contagi in ambito scolastico. Riteniamo pertanto che, per tutti gli ordini di scuola (dall’infanzia alla sec. di II grado), non ci siano le condizioni per rientrare a scuola. Come già detto in precedenti comunicati, la dad è un pessimo modo di far scuola, ma abbiamo il dovere di tutelare la salute di chi rappresentiamo e diciamo No al rientro in presenza, no alla scuola supermarket!”, conclude.

Ritorno a scuola, la Puglia continuerà a fare scegliere ai genitori se avvalersi della DaD

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione