GILDA: “no a comitati improvvisati per referendum, serve unità”

Di
WhatsApp
Telegram

“La battaglia referendaria contro la riforma della scuola può essere vinta soltanto unendo tutte le forze dell'associazionismo, del sindacato e della politica. La posta in gioco è troppo alta e iniziative portate avanti da comitati improvvisati o da politici in cerca di visibilità rischiano di rivelarsi un boomerang: la cassazione dei quesiti o, peggio ancora, una sconfitta referendaria potrebbe solo rafforzare le ragioni della cosiddetta Buona Scuola”.

“La battaglia referendaria contro la riforma della scuola può essere vinta soltanto unendo tutte le forze dell'associazionismo, del sindacato e della politica. La posta in gioco è troppo alta e iniziative portate avanti da comitati improvvisati o da politici in cerca di visibilità rischiano di rivelarsi un boomerang: la cassazione dei quesiti o, peggio ancora, una sconfitta referendaria potrebbe solo rafforzare le ragioni della cosiddetta Buona Scuola”. A dichiararlo è la Gilda degli Insegnanti, che ribadisce la necessità di procedere all'organizzazione in tempi brevi di un comitato unitario per l'indizione di un referendum abrogativo di parti fondamentali della legge 107/2015 sostenuto da una solida consulenza giuridica a livello nazionale.

“Soltanto con un'azione unitaria possiamo affrontare positivamente uno sforzo organizzativo importante e una battaglia politica e culturale che deve essere vinta non tanto all'interno del 'popolo della scuola', ma in tutto il Paese. Per questo – sottolinea la Gilda – le iniziative referendarie promosse finora paiono prive del necessario consenso che deve scaturire da un dibattito aperto tra tutti coloro che intendono battersi per l'abrogazione di parti della legge 107/2015. Partire con raccolte di firme su quesiti confusi e non adeguatamente discussi può portare ad
effetti controproducenti per la scuola pubblica e per il Paese. I referendum abrogativi possono essere indetti solo se c’è la realistica possibilità di una vittoria”.

Inoltre la Gilda invita tutte le associazioni, le forze politiche e sindacali a valutare la possibilità di accompagnare le iniziative per l'abrogazione della legge 107/15 con quesiti inerenti la cancellazione di parte della riforma Gelmini e di punti specifici del decreto Brunetta “che di fatto – conclude il sindacato – rappresentano la base culturale sulla quale si è poi sviluppata la riforma del governo Renzi”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur