Gilda. Fondi alle paritarie, e scuola pubblica si arrangia con i punti fedeltà

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ufficio stampa Gilda Insegnanti – “Nelle casse degli istituti paritari piovono sempre più soldi mentre le scuole pubbliche ‘in bolletta’ ricorrono ai punti fedeltà, raccolti grazie agli acquisti effettuati dalle famiglie degli studenti nelle grandi catene di distribuzione, per avere gratuitamente attrezzature informatiche e materiale didattico.

Siamo al paradosso”. Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commentando una recente indagine di skuola.net e la novità annunciata dalla ministra Fedeli riguardante i fondi europei ai quali potranno accedere anche le scuole paritarie.

Secondo Di Meglio, tra supermercati che finanziano le scuole pubbliche e regole dei finanziamenti europei che cambiano, diventa ancora più profondo il divario tra istituti di serie A e di serie B: “Così – dichiara il coordinatore nazionale della Gilda – si tradisce il dettato costituzionale degli articoli 3, 33 e 34. Non si tratta di una questione ideologica ma di tutela delle fasce più deboli e svantaggiate della popolazione studentesca. La scuola pubblica statale merita ben altre risorse economiche e va tenuta lontana dalle logiche di mercato sempre più spinte”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare