Gilda: finita epoca megaconcorsi. Meglio laurea, master e una prova selettiva

Stampa

“E’ finita l’epoca dei megaconcorsi”: così Rino Di Meglio coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti ha annunciato la proposta di legge alla quale il sindacato sta lavorando.

18L’obiettivo è quello di un percorso più snello e semplificato rispetto all’attuale. “Il sistema dei concorsi previsto dalla cosiddetta Buona Scuola, che prevede un percorso di 3 anni, è estremamente macchinoso e, dunque, destinato a fallire” ha aggiunto il sindacalista

La proposta Gilda

Riguarda i concorsi per la secondaria e prevede: laurea + master + concorso con una sola prova selettiva.

Una proposta, quella della Gilda, che arriva proprio nel momento in cui la macchina dei concorsi è messa sotto accusa: il concorso 2018, riservato ai docenti abilitati prevedeva una sola prova orale non selettiva e si è inceppato in molte regioni, impedendo ai docenti di essere assunti a settembre 2018.

Anche il Ministro Bussetti, nel videoforum di Repubblica si è espresso a favore di una procedura più snella, fermo restando che il FIT ossia il percorso di tirocinio successivo al concorso e previsto dal Decreto legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 non sarà eliminato, ma migliorato.

Stampa

Corso per il concorso ordinario materie scientifiche STEM. Con breve guida per affrontare test lingua inglese e simulatore prova scritta per tutte le classi di concorso. Sconto libri EDISES