Giannini: violenza alunni sui docenti, si risolve con nuovo patto educativo. Genitori primi censori

di redazione
ipsef

"Quello della violenza sui docenti nasce dalla rottura di un patto educativo tra famiglia e scuola", ha affermato il Ministro durante una videochat su RepubblicaTv.

"Quello della violenza sui docenti nasce dalla rottura di un patto educativo tra famiglia e scuola", ha affermato il Ministro durante una videochat su RepubblicaTv.

"La famiglia è rimasta estranea al processo educativo, perché gli argomenti della scuola rimangono spesso all'interno della scuola stessa."

"Ricostruire un patto educativo – ha affermato il Ministro – e assegnare alla scuola un missione più ampia, aperta, ad accogliere suggerimenti, come la flessibilità del monte ore del curriculum dello studente, non sono misure contro il bullismo e del rispetto dei ruoli, ma misure che cospirano a creare una atmosfera diversa.

"Le famiglie – ha continuato il Ministro – devono rivedere la propria posizione, non devono porsi soltanto come censori. I docenti vengono innanzitutto messi in discussione dai genitori. Anche questo è rispetto dei ruoli."

Docenti aggrediti: dov’è la dignità degli insegnanti?

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione