Giannini intervistata dall’Huffingtonpost: cultura del merito, concorsi a cattedra regolari e valutazione

di redazione
ipsef

red – Eravamo in campagna elettorale, l’atmosfera politica era diversa e probabilmente l’agenda del nuovo Ministro avrà a che fare solo parzialmente con quanto si propugnava durante la bagarre per le elezioni, ma una sbirciata alle posizioni del nuovo Ministro non fanno certo male a qualcuno.

red – Eravamo in campagna elettorale, l’atmosfera politica era diversa e probabilmente l’agenda del nuovo Ministro avrà a che fare solo parzialmente con quanto si propugnava durante la bagarre per le elezioni, ma una sbirciata alle posizioni del nuovo Ministro non fanno certo male a qualcuno.

Riprendiamo alcune delle affermazioni dell’attuale Ministro rilasciate ad huffingtonpost.it l’11 febbraio 2013, circa un anno fa.

Uno dei cavalli di battaglia di Scelta civica era l’instaurazione di una cultura del merito, sia per quanto riguarda il "Valore reale al titolo di studio", sia per quanto riguarda la valutazione dei docenti. A ciò si aggiunge anche una riqualificazione del personale docente, attraverso una rivisitazione della formazione e aggiornamento.

Infine i concorsi, che dice essere "efficaci se e solo se si svolgono regolarmente". Il concorso per gli insegnanti delle scuole è stato sospeso per 13 anni. "La conseguenza – afferma – non poteva che essere la patologia del precariato. Quindi concorsi regolari, che valutino competenze disciplinari e didattiche."

Tutta l’intervista

Vedi anche

Giannini, Scelta civica, nuovo Ministro dell’istruzione. Metà Ministri di sesso femminile

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione