Giannelli: “Non bisogna privare i ragazzi della didattica in presenza”

Stampa

“Privare i ragazzi della didattica in presenza è un atto poco considerato, bisogna vedere le realtà territoriali; si tratta di una decisione che deve spettare alle istituzioni scolastiche nella loro autonomia, solo le scuole possono valutare al meglio le esigenze, prevedendo il mix più idoneo”.

“Durante i mesi del lockdown si sono sprecate le critiche sulla Dad – io pure ne sono un fautore ma integrata con la didattica in presenza – ora parlarne come se fosse una panacea.. non si può chiudere la scuola perchè i sistemi complementari come i trasporti non ce la fanno a funzionare”.

Così il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli a Rtl 102.5.

Per Giannelli, la decisione di imporre la Dad a tutte le scuole superiori in Lombardia “non è condivisibile perché pregiudica l’autonomia scolastica senza una vera ragione: le scuole non sono focolai di contagio. Ancora una volta la politica dimostra di non attribuire alla scuola quella funzione centrale per il Paese di cui tanto aveva parlato”.

“Non è chiarissima la catena di comando; le scuole sembrano uffici funzionali ad altri – conclude Giannelli- si sta mettendo in terzo e quarto ordine la funzione dell’istruzione: poi non voglio sentire che la scuola è al centro dei pensieri della politica: non è vero non lo è”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia