Solo 3 scuole su 5 promuovono la salute. L’indagine Gimbe: “Manca la formazione del personale”

WhatsApp
Telegram

Sono solo 3 su 5, pari al 61,9%, le scuole italiane che hanno aderito al programma dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ‘Scuole che Promuovono Salute’. (Sps). E tra queste il 25% circa, nonostante la formale adesione, non possiede o non è a conoscenza di un piano dedicato al programma stesso.

Sono i dati che emergono dal report sull’attuazione in Italia del programma dell’Oms che mira a rendere la scuola un luogo che sostiene attivamente la salute e il benessere degli studenti.

A rendere noti i risultati è la Fondazione Gimbe, che ha finanziato l’indagine, cui ha collaborato la Fondazione Anp Ets, con la borsa di studio “Gioacchino Cartabellotta” 2023 assegnata a Simone Salemme, medico neurologo dottorando presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, riporta ANSA.

In assenza di dati sistematici sull’attuazione del programma – spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione – abbiamo realizzato una survey per raccogliere informazioni oggettive direttamente dai dirigenti scolastici“.

Alla ricerca hanno partecipato 493 scuole italiane da 20 Regioni e 101 Province, un campione rappresentativo a livello nazionale.

Delle 493 scuole rispondenti, il 51,7% sono istituti comprensivi, il 40,6% scuole secondarie di 2° grado, il 4,7% direzioni didattiche e il 3% scuole secondarie di 1° grado.

Dall’indagine emerge che in quasi il 40% delle scuole non è prevista formazione del personale e supporto all’alfabetizzazione sanitaria, “un ostacolo rilevante – sottolinea Cartabellotta – per l’implementazione delle Sps“.

Dalla ricerca della Fondazione Gimbe sull’applicazione negli istituti italiani del progetto ‘Scuole che promuovono salute (Sps): status di attuazione in Italia del programma dell’Oms’, “emergono importanti spunti di analisi sulla diffusione delle pratiche di alfabetizzazione sanitaria nelle scuole“.

Così Antonello Giannelli, presidente della Fondazione Anp -Ets, commenta l’indagine della Fondazione Gimbe.

Queste ultime -prosegue – per via del loro impianto curricolare e degli spazi garantiti dall’autonomia, si confermano il luogo ideale per lo sviluppo di tematiche legate al benessere fisico e mentale di alunni e studenti per accompagnare il loro percorso di crescita. I dati, peraltro, attestano la fondamentale sinergia che le scuole hanno con il territorio, anche nell’ottica del civic center. Le figure del dirigente scolastico e dei suoi collaboratori risultano strategiche per il sostegno e la promozione del programma Sps: infatti, secondo la ricerca, ben il 98% del campione afferma di ricevere costantemente input in tal senso dalla leadership della scuola“.

In chiave di prevenzione, poi, la parte prevalente degli istituti riesce a garantire un ambiente sicuro, sia esso fisico che virtuale, a favore della comunità scolastica grazie a specifiche policy, investimenti, risorse e attività di monitoraggio“, continua.

Sorprende, infine, come le scuole, proiettate in modo consistente verso il contrasto di fenomeni quali il bullismo e il cyberbullismo e verso disturbi tipici dell’età adolescenziale quali quelli alimentari, abbiano in parte perso di vista il contrasto del fenomeno delle dipendenze da fumo, alcol o altre sostanze, sebbene in Italia ciò rappresenti una vera e propria emergenza tra i nostri ragazzi. Intendiamo, quindi, continuare la collaborazione con la Fondazione Gimbe in quanto pienamente consapevoli del ruolo nodale dell’educazione alla salute“, conclude Giannelli.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri