Giani: “Bene le nuove regole per tamponi a scolari. Lo scopo è evitare la Dad”

WhatsApp
Telegram

“Abbiamo concordato con l’autorità scolastica regionale il modulario per poter andare subito a farsi il tampone da parte degli scolari che stanno in una classe dove si è rivelato un positivo al Covid” perché “noi vogliamo evitare il più possibile la dad, vogliamo la scuola in presenza, e per consentire la scuola in presenza senza generalizzazioni, anche se si riscontra qualche caso positivo, è evidente che questo è il sistema”.

Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani a margine di una conferenza stampa, parlando delle nuove regole in vigore nelle scuole per trattare i casi di studenti positivi al Covid.

Secondo Giani, poter andare subito a fare il tampone “può consentire, se c’è un solo caso positivo al Covid in classe, di poter continuare tranquillamente senza dover fare quarantena, cosa che l’anno scorso assolutamente non era possibile, perché immediatamente il rilievo di un positivo mandava tutti gli altri scolari in quarantena”.

“Sappiamo che la terza dose è una priorità e un fatto necessario. Condivido le parole del ministro Speranza che sostiene che dobbiamo attrezzarci il più possibile per diffonderla”, ha detto.

Giani ha sottolineato come sulla somministrazione delle terze dosi la Toscana stia già facendo la sua parte.

“Se calcolate che in Italia ci sono 2 milioni di dose somministrate e qua ne abbiamo fatte 200mila, noi facciamo già il doppio di quanto mediamente dovrebbe fare una Regione – ha spiegato Giani – Dall’altra parte ci siamo presi questo ruolo della Regione dove si vaccina di più. Lo siamo tra le prime dosi, con 82%, lo siamo nel complesso, avendo superato il muro dei 6 milioni di vaccini fatti, e quindi è evidentemente che per le terze dosi vogliamo stare in cima alla classifica”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur