Gestione delle operazioni di pulizia, disinfezione e sanificazione delle scuole. Documento INAIL [PDF]

Stampa

L’ufficio scolastico regionale della Sicilia, in collaborazione con l’Inail ha realizzato un documento per la gestione delle operazioni di pulizia, disinfezione e sanificazione delle scuole.

Reso disponibile un ulteriore aggiornamento del documento utile per le scuole.

CLICCA QUI per scaricare la pubblicazione

Una corretta igiene e disinfezione dei locali scolastici o degli ambienti in cui è prevista la presenza di molte persone costituisce un buon punto di partenza alla lotta alle infezioni e ai contagi in qualsiasi tempo. Nell’ordinarietà le operazioni di pulizia possono essere ordinarie o straordinarie.

Per pulizie ordinarie si intendono quelle atte a mantenere un livello di igiene dei locali e delle attrezzature ed è necessario ripeterle a cadenza fissa: giornaliera, settimanale, bisettimanale o mensile.

Per attività straordinarie di pulizia si intendono, invece, quelle che, seppur programmate, si verificano a cadenze temporali più dilazionate nel tempo (trimestrale, quadrimestrale, semestrale o annuale).

Costituisce attività straordinaria di pulizia quella effettuata in seguito ad eventi determinati, ma non prevedibili.

La pulizia delle superfici e degli ambienti è l’azione preliminare da effettuare e indispensabile per una eventuale successiva disinfezione.

La disinfezione non risulta efficace se attuata su superfici non precedentemente pulite.

Le operazioni di pulizia tipologicamente sono inquadrate come:

– pulizie ordinarie: comprendono attività di pulizia di carattere continuativo e programmato, solitamente con frequenza giornaliera;

– pulizie periodiche: comprendo attività di pulizia più profonda a periodicità più lunga da svolgersi con frequenze prestabilite;

– pulizie straordinarie: comprendono interventi imprevedibili richiesti per esigenze occasionali o emergenziali; dopo un’adeguata valutazione dei rischi, la programmazione deve essere rivista, anche in base alla destinazione d’uso dell’ambiente stesso e dei flussi di persone.

Le operazioni di pulizia devono essere condotte possibilmente negli orari, nei periodi e nei luoghi in cui non sono presenti persone in modo da non creare interferenze o rischi rispetto alla normale attività scolastica.

Per la pulizia degli ambienti si ritengono indispensabili le seguenti attrezzature:

– Panni-spugna differenziati per codice colore e teli monouso per la spolveratura (si sconsigliano le normali spugne perché facilmente inquinabili).
– Scope trapezoidali e scope tradizionali.
– Asta pulivetro, vello lavavetro.
– Sistema MOP. Si sottolinea la necessità di utilizzare più sistemi MOP in base alle zone da
pulire: uno per i servizi igienici, uno per gli ambienti didattici in genere (sezioni, aule, palestre,
laboratori, ecc.) e uno per la cucina e il locale refezione.
– Sistema MOP con serbatoio per autocaricamento;
– Dispositivi di protezione individuale (camice, guanti, scarpe antiscivolo).
– Macchina lava – asciuga pavimenti, ove possibile.
– Aspirapolvere, ove necessaria.
– Soffiatore, aspiratore, trituratore foglie.
– Lavatrice (ove possibile).

Tutto il materiale per la pulizia deve essere regolarmente pulito dopo l’uso in quanto spugne, stracci, telini possono essere importante veicolo di contagio di infezioni o patologie; ove possibile si consiglia l’uso di materiale monouso.

Affinché le attività di pulizia, disinfezione e sanificazione possano essere effettuate correttamente ed efficacemente e secondo una programmazione ben predefinita, è necessario definire prima di tutto compiti, responsabilità e istruzioni operative.

Ciò è necessario al fine di fornire indicazioni sugli interventi mirati a prevenire infezioni, contagi o contatti con sostanze allergizzanti da parte del personale, dei docenti, degli studenti e delle persone presenti.

Come sanificare e pulire una scuola, una guida Inail

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia