Gestione casi positivi a scuola, il protocollo aggiornato della regione Emilia Romagna

Stampa

La Regione Emilia Romagna ha aggiornato il documento relativo alle “Indicazioni operative per la riapertura dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole. Protocollo regionale per la gestione del caso Covid-19 confermato in ambito scolastico“, anno scolastico 2021/2022.

Quarantena

La durata della quarantena dei contatti stretti di casi da tutte le varianti VOC che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni è di 7 giorni dall’ultimo contatto con il caso e il periodo di quarantena verrà concluso con test molecolare o antigenico al settimo giorno; la durata della quarantena rimarrà di 10 giorni per coloro che non hanno effettuato la vaccinazione o hanno concluso il ciclo vaccinale da meno di 14 giorni. Qualora il contatto stretto rifiuti il tampone, la quarantena viene prolungata fino al quattordicesimo giorno dall’ultima data di contatto con il caso, e la riammissione alla frequenza avverrà anche in assenza di esame diagnostico molecolare o antigenico per la ricerca di SARS-CoV- 2.

In casi selezionati, qualora non sia possibile ottenere tamponi su campione oro/nasofaringei, che restano la metodica di campionamento di prima scelta, il test molecolare su campione salivare può rappresentare un’opzione per il rilevamento dell’infezione da SARS-CoV-2.

In caso di Varianti di particolare rilievo sanitario si modificherà il protocollo in relazione alle indicazioni ministeriali.

Riammissione a scuola di caso confermato

Il caso confermato Covid-19 da variante VOC non Beta (sospetta o confermata) o per cui non è disponibile il sequenziamento rientra a scuola con attestazione del Dipartimento di Sanità Pubblica rilasciato a seguito di esito negativo di tampone molecolare eseguito al decimo giorno dalla comparsa della positività o dei sintomi (i sintomi devono assenti da almeno 3 giorni). In caso di riscontro di ulteriore positività al test diagnostico eseguito dopo 10 giorni dalla comparsa dei sintomi o dal tampone risultato positivo negli asintomatici, è consigliabile ripetere il test dopo 7 giorni (17° giorno). I casi che continuano a risultare positivi al test molecolare per la ricerca di SARS-CoV-2, in caso di assenza di sintomatologia da almeno 7 giorni potranno interrompere l’isolamento al termine del 21° giorno e riprendere la frequenza scolastica.

Il caso confermato Covid-19 da variante VOC Beta sospetta o confermata ( variante di rarissimo riscontro), potrà rientrare a scuola solo a seguito di esito negativo del test molecolare.

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1° E 2° GRADO. Identificazione dei contatti stretti a cui disporre la misura della quarantena

Il Dipartimento di Sanità Pubblica individua i contatti stretti tra gli alunni/studenti/compagni di classe e il personale scolastico che hanno avuto presenza prolungata e in significativa interazione con il caso, nelle 48 ore precedenti l’esordio dei sintomi/effettuazione del tampone del caso confermato sintomatico/asintomatico. Si individueranno come contatti stretti di norma anche i compagni di classe che occupano le postazioni attigue in tutte le direzioni a quella del caso.

Gli alunni della classe che risulteranno contatti a basso rischio sospenderanno la frequenza e verranno sottoposti tempestivamente a tampone molecolare/antigenico e saranno riammessi a scuola acquisito l’esito negativo dello stesso con l’obbligo dell’uso della mascherina chirurgica. Qualora dai test effettuati venga individuata una ulteriore positività tra i contatti a basso rischio, tutta la classe verrà posta in quarantena.

I docenti, se hanno rispettato le misure anti-Covid (mascherina chirurgica e distanziamento), non sono individuati come contatti stretti: dovranno comunque effettuare con immediatezza un test molecolare di screening che per i Dipartimenti di Sanità Pubblica rivestirà carattere di elevatissima priorità.

Il rifiuto all’esecuzione del test comporterà l’emissione di un provvedimento di quarantena.

Qualora il caso COVID coinvolga un docente, se lo stesso ha svolto la propria attività rispettando le misure anti-Covid (distanziamento e utilizzo della mascherina anche in posizione statica ) gli alunni delle classi coinvolte sospenderanno la frequenza fino all’esito negativo di un test di screening ( antigenico o molecolare)che verrà effettuato da parte dei DSP.

Per tutti i contatti stretti individuati dopo le valutazioni sopra riportate viene emesso, da parte del DSP, un provvedimento di quarantena.

SERVIZI EDUCATIVI 0 – 3 E SCUOLE DELL’INFANZIA

Identificazione dei contatti stretti a cui disporre la misura della quarantena.:

Fermo restando che, come noto, nei Servizi educativi e nelle Scuole dell’Infanzia non è possibile evitare rapporti stretti poiché i piccoli non indossano mascherine e non sono adeguatamente distanziati fra loro né con i docenti, il DSP individua come contatti stretti tutti i bambini compagni di sezione e il personale scolastico che per necessità abbia avuto presenza prolungata e in significativa interazione, presso la sezione stessa, nelle 48 ore precedenti l’esordio dei sintomi/effettuazione del tampone del caso confermato.

Per tutti i contatti stretti di cui sopra viene emesso, da parte del DSP, un provvedimento di quarantena.

Il Dipartimento di Sanità Pubblica sulla base delle informazioni raccolte attraverso l’indagine epidemiologica e degli esiti dei test effettuati potrà valutare se estendere lo screening con tamponi ad altre classi/sezioni della scuola e, ove ritenuto necessario, richiedere un provvedimento di chiusura della stessa.

Il Dipartimento di Sanità Pubblica potrà inoltre proporre in ambiti territoriali in cui vi sia evidenza di una elevata circolazione del virus Sar-Cov-2 indagini a campione in ambito scolastico utilizzando test antigenici/molecolari.

MISUREAGGIUNTIVEDICONTENIMENTODELLADIFFUSIONEDELCONTAGIO.

In ragione dell’attuale andamento epidemiologico, devono essere assicurate in ambito scolastico le seguentiazioni:

1. Utilizzare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie ( per gli studenti la mascherina chi- rurgica, per il personale scolastico la mascherina chirurgica o altro dispositivo previsto even- tualmente nel DVR1) sia in posizione dinamica che statica, con le seguenti eccezioni: bambini di età inferiore a 6 anni, soggetti con patologie o disabilità incompatibili con il loro uso e du- rante lo svolgimento delle attività sportive;

2. assicurare l’aerazione dei locali in cui si svolgono le lezioni con periodici e frequenti ricambi d’aria (ventilazione intermittente );

3. rispettare il distanziamento di 2 metri se al chiuso e di 1 metro all’aperto per l’attività fisica sportiva individuale;

4. privilegiare per lo svolgimento della ricreazione, delle attività motorie e di alcune attività di- dattiche (ove possibile e compatibilmente con le variabili strutturali, di sicurezza e metereolo- giche ) gli spazi all’aperto;

Di contro, non devono essere permessi assembramenti in occasione dei momenti di ingresso/uscita e ricreazione

IL DOCUMENTO COMPLETO

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata