Gestione beni scuole: al dirigente scolastico il compito di eliminarli dall’inventario in caso di furto

Stampa

Il decreto interministeriale n. 129 del 28 agosto 2018 fornisce le istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche.
Cosa sono e come vengono gestiti i beni delle scuole? Cosa si deve fare in caso di eliminazione dei beni dell’inventario?

In base all’articolo 29 del decreto sopra detto, i beni che costituiscono il patrimonio delle istituzioni scolastiche si distinguono in immobili, mobili e mobili registrati secondo le norme del codice civile.

I beni sono descritti negli inventari divisi per categoria:

  • beni mobili;
  • beni di valore storico-artistico;
  • libri e materiale bibliografico;
  • valori mobiliari;
  • veicoli e natanti;
  • beni immobili.

Eliminazione dei beni dell’inventario

L’art. 33 del DI 129/2018 spiega come avviene l’eliminazione dei beni dell’inventario. Il materiale e i beni mancanti per furto o per causa di forza maggiore, o divenuti inservibili all’uso, devono essere eliminati dall’inventario. A farlo è il dirigente scolastico tramite provvedimento apposito, dove “deve essere indicato l’obbligo di reintegro a carico degli eventuali responsabili o l’avvenuto accertamento dell’inesistenza di cause di responsabilità amministrativa, con adeguata motivazione”.

Nello stesso provvedimento deve essere altresì allegata copia della denuncia presentata alla locale autorità di pubblica sicurezza, qualora si tratti di materiale mancante per furto, o viene allegato il verbale redatto dalla commissione interna nel caso di materiale non più utilizzabile.

Infine, nel caso di beni mancanti per furto o causa di forza maggiore, al provvedimento di cui sopra del Ds viene allegata la relazione del Dsga in ordine alle circostanze che hanno determinato la sottrazione o la perdita dei beni.

Compiti Dsga

Al Direttore dei servizi generali e amministrativi spetta il compito di svolgere le funzioni di consegnatario. Più precisamente il Dsga provvede a (art. 30, comma 1): conservare e gestire i beni dell’istituzione scolastica; distribuire gli oggetti di cancelleria, gli stampati e altro materiale di facile consumo; curare la manutenzione dei beni mobili e degli arredi di ufficio; curare il livello delle scorte operative necessarie ad assicurare il regolare funzionamento degli uffici; vigilare sul regolare e corretto uso dei beni affidati agli utilizzatori finali, che fruiscono del bene o consumano il materiale; vigilare, verificare e riscontrare il regolare adempimento delle prestazioni e delle prescrizioni contenute nei patti negoziali sottoscritti con gli affidatari delle forniture di beni e servizi. Il Dsga tiene e cura l’inventario, ma le responsabilità restano in ogni caso al dirigente scolastico.

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico