Germania, l’Istituto Koch: “Situazione molto seria”. In quasi la metà dei distretti la scuola è motore dei contagi

Stampa

“La situazione in Germania è molto seria”. Lo ha detto il presidente del Robert Koch Institut Lothar Wieler. “I dati dei nuovi contagi restano molto alti, e aumenteranno il numero dei pazienti nelle terapie intensive e i morti”.

Wieler ha anche spiegato che “il sistema sanitario potrà toccare i suoi limiti e l’epidemia potrà diffondersi in modo incontrollato in alcune regioni del Paese”.

Il numero dei nuovi contagi nelle 24 ore è stato di 21.866 casi.

Per quanto riguarda la scuola, segnala il giornale Der TasSpigel, che l’Istituto Koch afferma che in  7 dei 15 distretti urbani e rurali i focolai nelle scuole sono da mettere esplicitamente in correlazione con i più alti tassi di infezione.

Ricordiamo che la scuola ha riaperto nei 16 Länder che compongono la Germania, in modo progressivo, dal 3 agosto al 14 settembre.

In Germania ci sono 300 mila scolari e 30 mila insegnanti in quarantena, a causa del Coronavirus, secondo i dati dell’associazione federale insegnanti. Gli esperti del settore lo chiamano “lockdown-salame”, perché interessa “fette” del mondo scolastico, in un Paese che ha fatto la scelta di tenere gli allievi in aula (con lezioni in presenza) il più a lungo possibile, per non penalizzare lo sviluppo di bambini e ragazzi a causa della pandemia. In Germania, ci sono 40 mila scuole, 11 milioni di scolari e 800 mila docenti.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia