Geografi a confronto per “l’analisi del rischio ambientale”

di Lalla
ipsef

Uff. stampa Andrea Curti – L’AGAT (Associazione Geografica per l’Ambiente e il Territorio) organizza il workshop “L’analisi del rischio ambientale. La lettura del geografo” che si svolgerà mercoledì 21 marzo 2012, dalle 15 alle 19, presso la Casa della Cultura – Villa de Sanctis (Via Casilina 675, Roma).

Uff. stampa Andrea Curti – L’AGAT (Associazione Geografica per l’Ambiente e il Territorio) organizza il workshop “L’analisi del rischio ambientale. La lettura del geografo” che si svolgerà mercoledì 21 marzo 2012, dalle 15 alle 19, presso la Casa della Cultura – Villa de Sanctis (Via Casilina 675, Roma).

L’evento avrà l’obiettivo di analizzare, da un punto di vista geografico, gli aspetti critici dei diversi fattori, naturali o indotti dalle attività antropiche, che contribuiscono a causare danni alla popolazione, alle infrastrutture e alle risorse territoriali presenti in una particolare area.

Interverranno geografi specializzati nel rischio ambientale e ricercatori provenienti dai principali istituti di ricerca nazionali.

Il workshop è destinato a tutti coloro che nutrono interesse verso la protezione e la salvaguardia dell’ambiente ed agli studenti universitari di geografia e discipline affini (scienze naturali, scienze ambientali, geologia, ecc.) delle Università romane.

Per proporre un prodotto originale e attento alle innovazioni tecnologiche, il workshop sarà trasmesso in diretta streaming sul sito della nostra Associazione; dagli interventi dei partecipanti saranno ricavati gli Atti che
saranno disponibili dal giorno stesso, sempre su www.agatweb.it, sia in versione pdf che video.

Durante il workshop avverrà la presentazione ufficiale di un documentario realizzato da Francesco Nebbia, dal titolo "L’Aquila a due anni dal sisma: il documentario".

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione