Genitori: Buona Scuola inclusiva passa per il rispetto delle opinioni di tutti

di redazione
ipsef

Ufficio Stampa Age:“Senza un ascolto attento e un dialogo trasparente, sincero, rispettoso delle diverse posizioni di ciascuno non c’è buona scuola. Intorno alla riforma della scuola sta montando negli ultimi giorni una discussione modello talk show televisivo o social network che come genitori rifiutiamo.

Ufficio Stampa Age:“Senza un ascolto attento e un dialogo trasparente, sincero, rispettoso delle diverse posizioni di ciascuno non c’è buona scuola. Intorno alla riforma della scuola sta montando negli ultimi giorni una discussione modello talk show televisivo o social network che come genitori rifiutiamo.

Le istituzioni scolastiche a tutti i livelli hanno una grande responsabilità verso gli studenti anche nei modi, nei toni, nel merito in cui impostano e portano avanti il confronto sulla Buona Scuola. Difendere a tutti i costi la propria posizione o accumulare opinioni come fossero quelle postate su un blog senza nessuno che le moderi non è l’esempio di discussione che la scuola dovrebbe insegnare ai nostri figli.

Formare un sapere critico attraverso conoscenza, ascolto delle posizioni di tutti, avvalorando empiricamente e logicamente le proprie affermazioni e confutando quelle altrui senza nessun tipo di supponenza o violenza fisica o
verbale, accentando e tutelando le opinioni contrarie alle proprie: questo è l’insegnamento più importante che i nostri figli possono ricevere a scuola. Una buona scuola inclusiva, tollerante e aperta passa da qui”.

Lo dichiarano in una nota le associazioni genitori dell’Age, Agesc, Faes e Moige, membri del Fonags (Forum nazionale delle associazioni dei genitori della scuola) presso il Miur, commentando la contestazione al ministro dell’istruzione Stefania Giannini durante la Festa dell’Unità a Bologna, nei giorni scorsi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione