Genitore insulta la preside per il figlio bocciato: dovrà risarcire la scuola con 200 euro

WhatsApp
Telegram

Dopo la notizia della bocciatura del proprio figlio, un genitore, durante i colloqui di fine anno, ha iniziato a insultare la preside della scuola media davanti agli altri genitori presenti.

Per questo è stato denunciato e davanti al giudice di pace a un 43enne di Treviso non è rimasto che scusarsi pubblicamente e risarcire la scuola con 200 euro. La vicenda dell’aggressione verbale risale al 2019 e ha visto la fine dei suoi strascichi giudiziari solo ora, come riporta Il Gazzettino.

Il 25 maggio si arriverà a emettere la sentenza definitiva dopo aver verificato sia la pubblicazione delle scuse che il versamento dei 200 euro a titolo di risarcimento. Somma che verrà impiegata per sostenere progetti didattici.

“Chiedo scusa per il mio comportamento, dovuto alla circostanza delle difficoltà a seguire l’iter scolastico di mio figlio dislessico, ciò in ogni caso non giustifica il comportamento. E pertanto chiedo scusa alla preside della scuola”. Queste sarebbero state le parole del genitore davanti al giudice che ha richiesto che diventassero pubbliche attraverso l’affissione nella bacheca della scuola.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria, corso di preparazione: con simulatore Edises e sconto libri 25%. Prezzo lancio 100 euro ancora per poco