Gender, PROVITA alla Fedeli: se l’Arcigay è referente di progetti nelle scuole, famiglie devono saperlo

WhatsApp
Telegram

Il ministro Fedeli, commentando l’iniziativa di alcune famiglie di stilare liste di scuole in cui si svolgerebbero progetti “Gender”, ha affermato che le famiglie non hanno bisogno di tali “liste” ma possono controllare le attività svolte dalla scuola consultando il PTOF delle stesse.

Lista con scuole in cui si insegna Gender, Fedeli: genitori vadano ad informarsi

A quanto affermato dalla Fedeli ribatte l’associazione PROVITA, che si è detta sorpresa per le critiche del Ministro che, nel mese di luglio, si era dichiarato “favorevole al consenso informato dei genitori sulle attività che si svolgono nelle scuole frequentate dai figli“.

“Oggi, però, il Ministro critica il Comitato Difendiamo i Nostri Figli che ha studiato i POF delle scuole di Bologna segnalando quelle (il 76%) che contengono progetti ispirati al gender o che potrebbero prestarsi a manipolazioni ideologiche in tal senso “, afferma l’Associazione.

“Il patto educativo tra genitori e scuola – conclude PROVITA – deve essere trasparente: se l’Arcigay è referente di progetti che si implementano nelle scuole di Bologna, i genitori è giusto che lo sappiano, se vogliono che i loro figli vi partecipino” .

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur