Garante della Privacy. Le graduatorie docenti e ATA possono essere pubblicate sul sito scolastico

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Garante della Privacy ha pubblicato un vademecum, dove viene illustrato tutto quello che è possibile rendere pubblico, senza che siano leso il diritto alla riservatezza personale.

Nelle istituzioni private, anche paritarie, la base legale per il trattamento dei dati personali è in genere il consenso dell’interessato o di chi esercita la tutela, se gli studenti sono minorenni.

In caso di violazione della privacy – come ad esempio la diffusione sul sito internet della scuola dei dati personali in assenza di una idonea base normativa, oppure il trattamento dei dati senza aver ricevuto una adeguata informativa o senza aver espresso uno specifico e libero consenso, qualora previsto – la persona interessata (studente, professore, etc.) può presentare al Garante un’apposita
“segnalazione” gratuita o un “reclamo” (più circostanziato rispetto alla semplice segnalazione e con pagamento di diritti di segreteria).
Il “ricorso”, invece, è riservato al caso in cui il titolare del trattamento non abbia dato adeguato riscontro alla richiesta dell’interessato di esercitare i propri diritti (accesso ai dati personali, aggiornamento, rettifica, opposizione, …. ) assicurati
dal Codice della privacy. In alternativa al ricorso presentato al Garante, la persona interessata può rivolgersi all’autorità giudiziaria ordinaria.

Ad esempio è possibile pubblicare sul sito le graduatorie dei docenti per consentire a chi ambisce a incarichi e supplenze
di conoscere la propria posizione e punteggio. Tali liste, giustamente accessibili, devono però contenere solo i dati strettamente necessari all’individuazione del candidato.
È invece illecita la pubblicazione dei numeri di telefono e degli indirizzi privati dei candidati.

Anche gli esiti degli scrutini o degli esami di Stato sono pubblici. È necessario però che, nel pubblicare i voti degli scrutini e degli esami nei tabelloni, l’istituto scolastico eviti di fornire, anche indirettamente, informazioni sulle condizioni di salute degli studenti, o altri dati personali.

Vademecum   

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione