Gallo, UE : “Un giovane su 3 beve in eccesso, dobbiamo informarli sui rischi”

di Giulia Boffa
ipsef

Dire.it – La policy dell’alcol è in mano agli Stati membri e la Commissione europea non può costringere il singolo Paese a cambiare la propria politica, può solo cercare di sviluppare uno scambio di buone pratiche. Lo ha ricordato all’Alcohol prevention day, Giulio Gallo, esponente della direzione generale per la Salute e i Consumatori dell’organo esecutivo dell’Unione europea.

Dire.it – La policy dell’alcol è in mano agli Stati membri e la Commissione europea non può costringere il singolo Paese a cambiare la propria politica, può solo cercare di sviluppare uno scambio di buone pratiche. Lo ha ricordato all’Alcohol prevention day, Giulio Gallo, esponente della direzione generale per la Salute e i Consumatori dell’organo esecutivo dell’Unione europea.

“I giovani nella strategia comunitaria sono la prima priorità e l’abuso di alcol in età adolescenziale è per noi un grande problema – ha proseguito – a livello europeo, l’80% dei minorenni intervistati ha dichiarato di poter aver accesso all’alcol, ovvero di poterlo acquistare. Abbiamo all’incirca il 30%, un terzo dei giovani, che ha dichiarato di bere in eccesso, 5 o più bevande alcoliche in un’occasione, che noi definiamo binge drinking”. I giovani sono soprattutto “a rischio di incidenti stradali- ha sottolineato Gallo- e la guida in stato di ubriachezza è la più elevata causa di mortalità”. Ma esiste anche una correlazione alcol-cancro. “È dimostrato ed è un problema meno conosciuto dalla popolazione – ha spiegato l’esponente comunitario – un lavoro molto importante sarebbe informare i consumatori su questo tipo di rischio, perché il fruitore è informato sul pericolo epatite o cancro al fegato, ma non sugli altri tipi di cancro. La popolazione ha poca conoscenza delle reali conseguenze legate all’alcol e noi- ha concluso Gallo- lavoriamo anche in questo settore”.

www.dire.it

Versione stampabile
anief anief
soloformazione